Export: il contributo delle regioni italiane | T-Mag | il magazine di Tecnè

Export: il contributo delle regioni italiane

export2Il recente andamento delle esportazioni italiane – in calo del’0,4% nel primo trimestre del 2016 sullo stesso periodo dello scorso anno, legato il larga parte alla flessione del 5,2% delle vendite verso i Paesi extra-Ue – è il risultato di una forte flessione dell’export delle area insulare del Paese. Bilanciato, in parte dalle buone performance dell’area meridionale. Nel suo ultimo resoconto l’Istat spiega infatti che quasi tutte le aree del Paese, nel periodo considerato, hanno riportato cali tendenziali delle esportazioni: le regioni dell’area insulare hanno infatti registrato un -20,3%, quelle dell’area Nord-Occidentale un -2,5% mentre quella nord-orientale un più lieve -0,1%.
A bilanciare il dato il +12,2% dell’Italia meridionale e il +2,3% dell’Italia centrale. Osservando invece le singole regioni si nota come la flessione maggiore abbia interessato la Sardegna, -38,4%. Notevoli anche i cali riportati dalla Liguria, -12,3%, dal Piemonte, -7,1%; e dalla Sicilia, -8,1%. Flessioni anche in Campania e Friuli Venezia Giulia: -4,7% e -3,2%.
Al contrario la regione con la crescita più forte è stata registrata nel Molise, +151,4%.In Basilicata l’export ha invece riportato un incremento de 118,6%, mente Abruzzo e Lazio registrano variazioni positive più contenute ma pur sempre marcate: +14,9% e +5,5%.
Dall’analisi dell’Istat – realizzata sul contributo che le regioni attraverso l’export di determinati prodotti, danno alle esportazioni nazionali – emerge che il fattore che più ha penalizzato il dato nazionale è riconducibile al calo del 39,5% che ha interessato l’export di autoveicoli dal Piemonte, seguito dal -40,3% delle esportazioni di coke e prodotti petroliferi raffinati dalla Sardegna.
Contribuiscono, invece, in maniera positiva le esportazioni di autoveicoli dalla Basilicata, cresciuti nel periodo considerato del 144,6%, e le vendite verso l’estero di mezzi di trasporto (esclusi gli autoveicoli) dal Lazio, +169,9%.

 

Scrivi una replica

News

Francia, a settembre sale a 57,2 punti l’indice Pmi composito

Sale a 57,2 punti l’indice Pmi composito della Francia nel mese di settembre. Ad agosto si era attestato a 55,2 punti.…

22 Set 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, indice composito sale a 57,8 punti a settembre

In Germania, l’indice composito nel mese di settembre, ha registrato una crescita a 57,8 punti dai 55,8 di agosto.…

22 Set 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Indice Pmi composito sale a 56,7 punti a settembre, oltre le attese

Stando ai dati rilevati da Markit Economics, l’indice Pmi composito, sale a 56,7 punti nel mese di settembre, dai 55,7 di agosto, mentre le stime…

22 Set 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: “Pil del 2016 confermato al +0,9%, ma peggiora il deficit”

“I dati qui presentati incorporano la revisione dei conti nazionali relativa al biennio 2015-2016, effettuata per tenere conto delle informazioni acquisite dall’Istat successivamente alla stima…

22 Set 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia