Leave or remain: l’export italiano dopo il referendum | T-Mag | il magazine di Tecnè

Leave or remain: l’export italiano dopo il referendum

esportazioniIl recente andamento delle esportazioni italiane – dettato in larga parte dal rallentamento delle economie emergenti, dalle sanzioni verso la Russia e dal relativo embargo ma anche da una ripresa dell’Eurozona ancora poco dinamica -, lascia presupporre un rallentamento della crescita dell’export per i prossimi anni. A tutti questi fattori si aggiunge poi l’ipotesi che il Regno Unito possa uscire dall’Unione europea nel caso in cui al referendum del 23 giugno dovesse vincere il fronte del Brexit.
Stando alle stime del Sace, secondo cui l’export italiano è destinato a salire del 4,3% medio annuo tra il 2016 ed il 2019, sebbene il settore agroalimentare non risentirà particolarmente dell’eventuale uscita del Regno unito dall’Unione europea, altri settori a partire dal 2017 registrerebbero bruschi cali. Con pesanti conseguenze sul totale dei beni esportati verso l’area.
E’ il caso della meccanica strumentale, dei mezzi di trasporto e del settore tessile e dell’abbigliamento. Secondo il Sace, infatti, la meccanica strumentale, che nel 2015 ha registrato una crescita dell’export del 6,3%, riporterà un rallentamento al 4-6% nel 2016 per poi subire un crollo compreso tra il 10-18% l’anno successivo. Andamento simile interesserà, sempre in caso di Brexit, il comparto dei mezzi di trasporto: dal +18 del 2015 si scenderebbe al +6-8% dell’anno in corso al -10-16% del 2017. Il settore del tessile e dell’abbigliamento riporterà, invece, una crescita 6-9% quest’anno e un calo compreso tra il -1% ed il -3%, contro il +9,2% del 2015.
Come anticipato il settore degli alimentari e delle bevande sarà interessato solamente da un rallentamento: dal +9% dello scorso anno il dato si attesterà tra il 7% ed il 10% quest’anno per rallentare al +5-6% il prossimo. Il totale dei beni esportato nel Regno Unito potrebbe riportare un +6-7% nel 2016 e un -3-7% nel 2017.
Nel 2015 il valore dell’interscambio commerciale tra Italia e Regno Unito è stato di 33,1 miliardi di euro, in crescita del 5,9% rispetto al 2014. Le esportazioni italiane sono state pari a 22,5 miliardi, per una crescita del 7,4% sull’anno precedente. Un andamento che, in caso di mancata scissione del Regno Unito dall’Ue, si rinforzerebbe, tanto che secondo il Sace le esportazioni crescerebbero del 7% quest’anno e del 6,1% nel 2017.
In tal caso la meccanica strumentale metterebbe a segno una crescita delle esportazioni del’8,9% quest’anno e del 6,8% il prossimo. Per i mezzi di trasporto si verificherebbero un +11,1% e un +7,5%, mentre per il settore tessile e dell’abbigliamento un +7,1% e un +5,9%.

 

Scrivi una replica

News

Bankitalia vede al rialzo le stime di crescita dell’Italia

La Banca d’Italia ha rivisto al rialzo le stime di crescita dell’economia italiana. Nel bollettino economico, Bankitalia ha scritto che il Prodotto interno lordo crescerà…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, nel 2017 il 47% delle imprese ha utilizzato almeno un social media

Nel 2017, il 47% delle imprese dell’Unione europea ha usato almeno un social media – blog, siti di condivisione dei contenuti, social network… -, con…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Senato, Mattarella nomina Liliana Segre senatrice a vita

Liliana Segre, sopravvissuta ad Auschwitz, è stata nominata senatrice a vita dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ai sensi dell’articolo 59, secondo comma, della Costituzione.…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gentiloni: “Cooperazione indispensabile per la lotta al terrorismo”

“Non dobbiamo mai dimenticare quanto sia indispensabile la componente della cooperazione allo sviluppo grazie al quale le relazioni con questi paesi possono aiutarci a costruire…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia