Non calano i fumatori in Italia | T-Mag | il magazine di Tecnè

Non calano i fumatori in Italia

sigaretteGli italiani continuano ad amare il fumo. Rimane, infatti, invariata la percentuale dei consumatori di sigarette rispetto al 2015: sono 11,5 milioni, circa il 22% della popolazione contro i 10,9 milioni, il 20,8%, del 2007. Ritorna in auge il consumo delle sigarette elettroniche, +4%. Questo secondo i dati presentati recentemente all’ISS durante il convegno “Tabagismo e Servizio Sanitario Nazionale”. In sostanza restano invariati, da ben otto anni, i consumi delle sigarette tradizionali, indipendentemente dall’adozione delle e-cig, spesso abbinate all’uso del tabacco tradizionale.
Si registra un lieve aumento del numero dei fumatori di entrambi i sessi, con un aumento più marcato degli uomini rispetto alle donne. Stanno cambiando le modalità di consumo, in netta risalita l’uso della sigaretta elettronica i cui consumi si erano dimezzati nel 2014 e nel 2015, inoltre, quasi l’80% degli utilizzatori di sigarette elettroniche fuma anche le sigarette tradizionali. In aumento progressivo il consumo di sigarette fatte a mano, più del 9% dei fumatori utilizza sigarette fatte a mano con tabacco sfuso, fenomeno molto in voga soprattutto tra giovani.
I fumatori in Italia sono 11,5 milioni: 6,9 milioni di uomini (il 27,3%) e 4,6 milioni di donne (17,2%). Gli ex fumatori rappresentano il 13,5% della popolazione (7,1 milioni), i non fumatori sono invece 33,8 milioni (il 64,4% della popolazione). Stando alle indagini DOXA condotte tra il 2002 e il 2016 il dato di quest’anno, relativo ai fumatori, si riporta sui valori del 2008. Si registra, inoltre, un lieve incremento della prevalenza di fumatori di entrambi i sessi: gli uomini passano dal 25,1% del 2015 al 27,3% del 2016, le donne dal 16,9% del 2015 al 17,2% del 2016. L’analisi della prevalenza del fumo di sigarette tra gli uomini e le donne nelle varie classi di età mostra che la percentuale di fumatori è ancora superiore a quella delle fumatrici in tutte le fasce di età. Nella fascia di età compresa tra i 25 e 44 anni si registra la prevalenza maggiore di fumatori di entrambi i sessi (24,1% delle donne e 31,9% degli uomini). Fumano di meno gli ultra 65enni: il 6,9% delle donne e il 18,2% degli uomini. La prevalenza di fumatori di sesso maschile si registra nelle regioni del Centro Italia, 30.4%, mentre la prevalenza di fumatrici si riscontra nelle regioni del Nord, 19,9%. Il consumo medio al giorno si attesta intorno alle 13 sigarette. Il 45% dei fumatori fuma tra le 10 e le 19 sigarette al giorno. In aumento, rispetto allo scorso anno, i fumatori cosiddetti ”leggeri” (fino a 9 sigarette per giorno): sono passati dal 16,7% nel 2015 al 23,6% nel 2016. Il 71,1% dei fumatori ha acceso la prima sigaretta tra i 15 ed i 17 anni: questa fascia d’età si conferma nel tempo particolarmente critica per l’iniziazione al fumo di tabacco. Il 13,8% dei fumatori ha iniziato a fumare addirittura prima dei 15 anni. Gli uomini iniziano mediamente un anno e mezzo prima delle donne (a 17,4 anni gli uomini, a 18,7 le donne) ed Il motivo per cui si inizia a fumare è legato all’influenza di amici e compagni, in particolare per il 60,7% dei fumatori. Rispetto alla tipologia di prodotti acquistati quest’anno si osserva una conferma della percentuale di fumatori che scelgono prevalentemente o occasionalmente le sigarette fatte a mano (18,6% contro il 17,0% del 2015). I principali consumatori di sigarette fatte a mano sono i giovani e i giovanissimi (15-24 anni), soprattutto maschi e residenti al Centro Italia. Dopo 3 anni, per la prima volta, si registra un sensibile incremento dell’uso della sigaretta elettronica: gli utilizzatori di e-cig sono infatti passati dall’1,1% del 2015 al 3,9% del 2016 (nel 2014 erano l’1,6%). Coloro che la usano abitualmente nel 2016 sono il 2,3% (nel 2015 erano lo 0,7%), mentre coloro che la utilizzano occasionalmente sono l’1,6% ( nel 2015 erano lo 0,4%). Gli utilizzatori di e-cig sono soprattutto utilizzatori duali (sigaretta elettronica + sigaretta tradizionale) e rappresentano il 77,6% degli utilizzatori di sigarette elettroniche: questa percentuale ha subito lievissime variazioni nel corso degli anni (erano il 73,1% nel 2015 e l’80,7% nel 2014). Tra questi, i fumatori che non hanno modificato le loro abitudini sono il 5,6%, quelli che hanno aumentato il consumo sono lo 0,5%, mentre quelli che hanno ridotto leggermente sono il 5,6%, infine, il 9,5% ha ridotto in maniera drastica il numero di sigarette tradizionali fumate. Ancora, tra gli utilizzatori duali, gli ex fumatori che hanno dichiarato di aver ricominciato a fumare le sigarette tradizionali assieme alla sigaretta elettronica sono il 24,9%, coloro che non fumavano e sono diventati consumatori duali di sigarette tradizionali e sigarette elettroniche risultano essere il 17,8%. Tra gli utilizzatori esclusivi di sigaretta elettronica (18,4% degli utilizzatori di e-cig) i fumatori che hanno smesso di fumare sono il 7,7%, mentre le persone che si sono avvicinate per la prima volta alla sigaretta elettronica, ma non erano fumatori sono il 10,7%.

 

Scrivi una replica

News

Inflazione: frena in Italia, stabile in Francia. Confermate le stime per Germania e Spagna

Il rallentamento del tasso di inflazione in Italia (che a luglio scende all’1,1% su base annua, dopo l’1,2% di giugno) si accompagna ai risultati di…

11 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Petrolio, l’AIE alza la stima sulla domanda mondiale per il 2017

L’AIE, l’Agenzia internazionale dell’energia, ha alzato (leggermente) le stime sulla domanda mondiale di petrolio nel 2017. Nel report, pubblicato oggi, venerdì 11 agosto, l’AIE sottolinea…

11 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Corea del Nord, Trump: “Siamo pronti a colpire”

“Le soluzioni militari sono ora pienamente predisposte, caricate e pronte a colpire, nel caso in cui la Corea del Nord dovesse agire in modo poco…

11 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Trasporto pubblico, l’Antitrust sanziona ATAC con una multa da 3,6 milioni di euro

L’ATAC – la municipalizzata che si occupa del trasporto pubblico a Roma – è stata sanzionata dall’Antitrust, l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, con…

11 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia