Brexit: quali effetti sulla Germania? | T-Mag | il magazine di Tecnè

Brexit: quali effetti sulla Germania?

germania_lavoroQuali ripercussioni la Brexit, l’uscita del Regno Unito dall’Ue, avrà sull’economia tedesca? È una domanda legittima, perché il Regno Unito è un importante partner commerciale in Europa della Germania, paese locomotiva dell’Unione, il cui export è da sempre uno dei punti di forza della sua economia.
Di recente il Fondo monetario internazionale ha rivisto al rialzo le stime di crescita della Germania per quest’anno. Il Pil, infatti, dovrebbe salire dell’1,7% rispetto all’1,5% stimato nel mese di aprile. Scende di un decimale, invece, la stima per il 2017, a +1,5%. Ma avverte il Fmi che la Brexit potrebbe influire sulla crescita tedesca.
È vero anche, allo stesso tempo, che l’andamento economico sarà condizionato più dalla domanda interna che da quella estera, come in verità si rileva già da un po’. Ad aprile le esportazioni sono rimaste ferme (pur registrando un incremento su base annua), tuttavia l’avanzo commerciale è salito a 25,6 miliardi di euro. E non a caso il Fmi invita Berlino a rafforzare il riequilibrio dell’economia.
Un invito non affatto nuovo: la Germania accumula troppo surplus di partite correnti – gli scambi con l’estero di beni e servizi – e questo la rende meno dinamica, soprattutto sul fronte degli investimenti in infrastrutture. Per il Fmi, in poche parole, una Germania più dinamica rappresenterebbe una spinta per la ripresa economica, ancora fragile, dell’Eurozona.
Ad ogni modo gli indicatori economici della Germania si mostrano solidi. La produzione industriale era tornata a crescere dello 0,8% ad aprile, mentre il tasso di disoccupazione a giugno resta stabile al 6,1%, tra i più bassi dell’Ue. Ma altro nodo spinoso è l’invecchiamento della popolazione, un problema che non interessa esclusivamente la Germania, ma l’Europa in generale.
Secondo studi della Commissione europea in materia nel prossimo futuro le persone anziane (65 anni o più) potrebbero aumentare. Tale dinamica è legata a diversi trend (fertilità, aspettative di vita, flussi migratori) e può avere ripercussioni sul sistema economico, in termini di forza lavoro e costi sociali (welfare, previdenza, salute), in larga parte ricchezza non generata.
Il problema dell’export verso il Regno Unito riguarda diversi paesi dell’Ue, a causa dell’azzeramento degli attuali accordi commerciali. Salvo che il Regno Unito non riesca ad ottenere un compromesso, mantenendo il proprio status nel mercato unico, quegli accordi andrebbero rinegoziati. Anche l’Italia ne risentirebbe, ma meno della Germania (e anche della Francia) che risulta più esposta in questo senso.

 

Scrivi una replica

News

Dl Dignità, Di Maio: «La fiducia? Spero di no»

«Spero di no, però mi aspetto, e questo lo auspico, perché il Parlamento è sovrano, che ci sia un atteggiamento costruttivo sulle modifiche. Se poi…

20 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Alessandro Rivera sarà il prossimo direttore generale del Mef

Alessandro Rivera sarà il nuovo direttore generale del ministero del ministero dell’Economia. Lo riferisce l’agenzia Reuters, citando «tre fonti vicine alla situazione». Ha 47 anni…

20 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Inps, Di Maio: «Boeri? Non ho il potere di rimuoverlo»

Il presidente dell’INPS «Boeri? Io non ho il potere di rimuovere questa persona: o scade oppure resta lì». Lo ha detto il vice premier Luigi…

20 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cdp, Fabrizio Palermo nuovo amministratore delegato

Fabrizio Palermo è il nuovo amministratore delegato di CDP, la Cassa depositi e Prestiti. Lo riferisce l’agenzia di stampa Reuters, citando «tre fonti vicine alla…

20 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia