La pressione fiscale su imprese e famiglie | T-Mag | il magazine di Tecnè

La pressione fiscale su imprese e famiglie

tasse_pressione_fiscaleIn diverse occasioni, il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan ha assicurato che il governo intende ridurre la pressione fiscale su famiglie e imprese, spiegando che la strategia di rilancio dell’economia italiana pensata dall’esecutivo passa anche alla sua “progressiva riduzione”, fino a circa il 40% entro il 2019. In Italia, la pressione fiscale – ovvero il rapporto tra il prelievo fiscale (imposte dirette, imposte indirette e imposte in conto capitale), quello para-fiscale (contributi sociali) e il Prodotto interno lordo (PIL) – è cresciuta parecchio: una recente analisi del Centro Studi Unimpresa, basata sui dati della Banca d’Italia, osserva che la pressione fiscale è aumentata progressivamente nell’ultimo decennio, passando dal 39,1% del PIL nel 2005 all’attuale 43,5% nel 2015.
Una crescita che si è arrestata soltanto lo scorso anno – secondo l’ISTAT, nel 2015 la pressione fiscale è diminuita leggermente rispetto al 2014 (-0,1%) – e che trova pochi riscontri nel resto dei nostri principali partner economici: nel 2015 la pressione fiscale era al 39,6% in Germania (+1,2% rispetto al 2005), al 34,8% in Gran Bretagna (-2%) e al 34,6% in Spagna (-2%).
Solo i contribuenti francesi fanno i conti con una pressione fiscale superiore a quella italiana (47,8%), ma “l’aggravio – osserva il Centro studi di Unimpresa – tiene il debito al 95,8% del PIL”.
In Italia, nel 2015, il rapporto tra il debito e il Prodotto interno lordo era al 132,7%.
Confcommercio sostiene che l’obiettivo del governo – abbassare la pressione fiscale a circa il 40% entro il 2019 – è “una sfida eccezionale, ma possibile”. Per centrarlo, spiegano gli analisti di Confcommercio, sarà necessario bloccare la spesa pubblica ai livelli del 2016, eliminare 21 miliardi di sprechi locali e far crescere il Prodotto interno lordo di oltre l’1,4% nel triennio 2017-2019.

 

Scrivi una replica

News

Alfano: «L’Austria si ritira sui consolati»

«Apprendiamo con soddisfazione che dal ministero degli Esteri austriaco è giunta notizia del ritiro del disegno di legge sull’Alto Adige che riguardava l’apertura dei consolati…

19 Apr 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gentiloni: «Egoismi bloccano il bilancio dell’Europa»

«Confidiamo che il semestre a guida rumena del Consiglio europeo, nei primi sei mesi del 2019, possa dare un contributo a ravvicinare le diverse posizioni,…

19 Apr 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Governo, Salvini: «Segnali di novità da M5S»

«Sì, ci sono dei segnali di novità dal M5S, confidiamo oggi in quel che dirà Di Maio». Lo ha detto Matteo Salvini, all’uscita da Palazzo…

19 Apr 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Macron-Merkel: «Presto visione comune per l’Europa»

«Entro giugno abbiamo l’obiettivo di presentare una visione comune per l’Europa». Lo ha dichiarato il presidente francese Emmanuel Macron, nel corso di una conferenza stampa…

19 Apr 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia