Brexit: nel 2017 lʼItalia potrebbe crescere meno del previsto | T-Mag | il magazine di Tecnè

Brexit: nel 2017 lʼItalia potrebbe crescere meno del previsto

posto di lavoroSecondo le stime dell’UPB, il Prodotto interno lordo (PIL) italiano potrebbe crescere intorno allo 0,2% nel secondo trimestre e di circa lo 0,1% nel terzo. Performance non certo esaltanti e che, se confermate, consentirebbero all’economia italiana una crescita complessiva per il 2016 di poco inferiore all’1%. In ribasso rispetto all’ultima stima ufficiale dell’esecutivo, diffusa ad aprile e contenuta nel Documento di economia e finanza, che prevede un aumento leggermente più sostanzioso (+1,2% su base annua).
Secondo l’UPB, la domanda interna continua a trainare la crescita del PIL. L’aumento del potere d’acquisto degli italiani – cresciuto anche grazie al crollo dei prezzi petroliferi – non si è tradotto in un altrettanto consistente aumento dei consumi: le famiglie italiane hanno preferito ricostruire i risparmi erosi dalla crisi economica.
Fattori di incertezza non mancano, purtroppo. L’UPB sottolinea che l’uscita del Regno Unito dall’Unione europea, sancita dal referendum del 23 giugno scorso, “potrebbe sottrarre dai 2 ai 4 decimi di punto alla crescita del prossimo anno, a seconda della severità delle ripercussioni sui mercati finanziari e sull’offerta di credito”.
La Brexit non preoccupa soltanto l’UPB. Nei giorni scorsi il Fondo monetario internazionale (FMI) ha abbassato le stime di crescita dell’economia mondiale e della zona euro. Il PIL globale crescerà tanto nel 2016 (+3,1%, ovvero lo 0,1% in meno rispetto alle attese di aprile) quanto l’anno prossimo, quando la crescita sarà del 3,4%, anche in questo caso lo 0,1% in meno rispetto alle precedenti stime.
Nell’Eurozona l’impatto negativo si avvertirà principalmente nel 2017, con la crescita che sarà dell’1,4%, lo 0,2% in meno rispetto a quanto precedentemente stimato. Per l’anno in corso, il Fondo monetario internazionale prevede una crescita dell’1,6%, lo 0,1% in più. Questo perché nel primo trimestre del 2016, l’area dell’euro è cresciuta più del previsto, sostenuta da domanda interna e investimenti in ripresa.

 

Scrivi una replica

News

Unicef: “2,6 milioni di bambini muoiono al primo mese di vita”

Secondo il nuovo rapporto dell’Unicef “Ogni bambino è vita”, circa 2,6 milioni di bambini muoiono nel primo mese di vita, circa 7mila al giorno. “Il…

20 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

BCE: l’Eurogruppo ha appoggiato la candidatura di Luis de Guindos

L’Eurogruppo ha appoggiato la candidatura di Luis de Guindos per la posizione di Vicepresidente della Banca centrale europea (BCE). Il nuovo vicepresidente, se arriverà la…

20 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Titoli di Stato: spread tra Btp e Bund a 130 punti

All’avvio dei mercati finanziari lo spread tra Btp e Bund si è attestato a 130 punti.…

20 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Meridiana cambia nome in Air Italy e lancia nuovo piano industriale

La compagnia aerea Meridiana ha cambiato nome in Air Italy. Grazie al sostegno economico del nuovo azionista, Qatar Airways, la società intende diventare “il vettore…

19 Feb 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia