Brexit: nel 2017 lʼItalia potrebbe crescere meno del previsto | T-Mag | il magazine di Tecnè

Brexit: nel 2017 lʼItalia potrebbe crescere meno del previsto

posto di lavoroSecondo le stime dell’UPB, il Prodotto interno lordo (PIL) italiano potrebbe crescere intorno allo 0,2% nel secondo trimestre e di circa lo 0,1% nel terzo. Performance non certo esaltanti e che, se confermate, consentirebbero all’economia italiana una crescita complessiva per il 2016 di poco inferiore all’1%. In ribasso rispetto all’ultima stima ufficiale dell’esecutivo, diffusa ad aprile e contenuta nel Documento di economia e finanza, che prevede un aumento leggermente più sostanzioso (+1,2% su base annua).
Secondo l’UPB, la domanda interna continua a trainare la crescita del PIL. L’aumento del potere d’acquisto degli italiani – cresciuto anche grazie al crollo dei prezzi petroliferi – non si è tradotto in un altrettanto consistente aumento dei consumi: le famiglie italiane hanno preferito ricostruire i risparmi erosi dalla crisi economica.
Fattori di incertezza non mancano, purtroppo. L’UPB sottolinea che l’uscita del Regno Unito dall’Unione europea, sancita dal referendum del 23 giugno scorso, “potrebbe sottrarre dai 2 ai 4 decimi di punto alla crescita del prossimo anno, a seconda della severità delle ripercussioni sui mercati finanziari e sull’offerta di credito”.
La Brexit non preoccupa soltanto l’UPB. Nei giorni scorsi il Fondo monetario internazionale (FMI) ha abbassato le stime di crescita dell’economia mondiale e della zona euro. Il PIL globale crescerà tanto nel 2016 (+3,1%, ovvero lo 0,1% in meno rispetto alle attese di aprile) quanto l’anno prossimo, quando la crescita sarà del 3,4%, anche in questo caso lo 0,1% in meno rispetto alle precedenti stime.
Nell’Eurozona l’impatto negativo si avvertirà principalmente nel 2017, con la crescita che sarà dell’1,4%, lo 0,2% in meno rispetto a quanto precedentemente stimato. Per l’anno in corso, il Fondo monetario internazionale prevede una crescita dell’1,6%, lo 0,1% in più. Questo perché nel primo trimestre del 2016, l’area dell’euro è cresciuta più del previsto, sostenuta da domanda interna e investimenti in ripresa.

 

Scrivi una replica

News

Dl sicurezza e immigrazione, Salvini: «Non lediamo nessun diritto fondamentale»

«Non lediamo nessuno diritto fondamentale: se entri a casa mia e spacci ti accompagno da dove sei arrivato». Lo ha detto il ministro dell’Interno, Matteo…

24 Set 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Di Maio: «A breve la “manovra del popolo” che gli ultimi e fa la guerra ai potenti»

Quella a cui sta lavorando il governo è «la “manovra del popolo”» che «aiuta gli ultimi e fa la guerra ai potenti». Lo ha scritto…

24 Set 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Governo, il Cdm ha approvato il decreto sicurezza e immigrazione

Il Consiglio dei ministri ha approvato, dopo circa un’ora di discussione, il decreto immigrazione e sicurezza. «Decreto Sicurezza, alle 12.38 il Consiglio dei ministri approva…

24 Set 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Lavoro, Di Maio: «I giornali cercano di imputare al nostro governo i disastri di Renzi»

«Oggi tutti i giornali si rendono conto dei casini che il Pd ha combinato con il Jobs Act perché presto scadrà la cassa integrazione per…

24 Set 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia