Cresce il valore dell’import di vino italiano: +4% | T-Mag | il magazine di Tecnè

Cresce il valore dell’import di vino italiano: +4%

vinoNel periodo compreso tra gennaio e maggio 2016 è cresciuto del 3,8% il valore dell’import di vino sui principali dieci mercati mondiali. Aumentate del 4% le importazioni dei vini italiani, del 9% dei vini spagnoli e dell’8% dei vini francesi.
Questo quello che emerge dai dati della ricerca effettuata da Wine Monitor di Nomisma. Nei primi cinque mesi dell’anno, le importazioni nei primi dieci mercati che, insieme, pesano in valore per il 70% dell’import mondiale di vino, sono cresciute del 3,8% rispetto al 2015 superando i 7,3 miliardi di euro. Stati Uniti e Giappone si confermano i mercati più interessanti con una crescita di oltre il 4%, rallentano Germania e Regno Unito che segnano, entrambi, cali del 6%. Segno positivo per la Russia che, dopo ben due anni, sembra aver riavviato gli acquisti di vino all’estero registrando un +9%. La Cina si conferma il miglior importatore di vini, a metà 2016 ha già importato lo stesso valore di quanto acquistato dalla Svizzera in tutto il 2015 per un totale di circa un miliardo di euro.
Gli spumanti continuano a trainare l’importazione dei vini italiani segnando una crescita nei primi cinque mesi del 2016 superiore al 20%, mentre, per quanto riguarda i vini fermi imbottigliati, la variazione è di appena l’1%. Le bollicine italiane si confermano nei mercati statunitensi e inglesi dove il più venduto è il Prosecco, Prosecco che inizia ad affacciarsi sul mercato francese, infatti, nei primi cinque mesi del 2016, le importazioni in Francia di spumanti Dop italiani, Asti escluso, sono raddoppiate rispetto allo scorso anno, passando da meno di nove mila a quasi 19 mila ettolitri per un valore corrispondente di 6,5 milioni di euro.
Per quanto riguarda i vini fermi il mercato americano registra un debole 2% di aumento, ma sembrano recuperare terreno in Cina e in Russia dove le importazioni sono cresciute in valore rispettivamente del 42% e del 16%. Continua a guadagnare posizioni di mercato la Spagna con la vendita di vini sfusi proprio grazie alla Russia e con un +8% sul mercato statunitense e un buon +42% su quello cinese.
Il mercato cinese rimane quello più interessante, lo sanno bene i produttori australiani che, forti di un accordo di libero scambio entrato in vigore nel dicembre scorso che prevede l’azzeramento di dazi all’import per il vino entro il 2019, nei primi cinque mesi di quest’anno hanno visto crescere le importazioni del 43% arrivando così alla quota del 25% di tutti i vini importati in Cina.

 

Scrivi una replica

News

Dl sicurezza e immigrazione, Salvini: «Non lediamo nessun diritto fondamentale»

«Non lediamo nessuno diritto fondamentale: se entri a casa mia e spacci ti accompagno da dove sei arrivato». Lo ha detto il ministro dell’Interno, Matteo…

24 Set 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Di Maio: «A breve la “manovra del popolo” che gli ultimi e fa la guerra ai potenti»

Quella a cui sta lavorando il governo è «la “manovra del popolo”» che «aiuta gli ultimi e fa la guerra ai potenti». Lo ha scritto…

24 Set 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Governo, il Cdm ha approvato il decreto sicurezza e immigrazione

Il Consiglio dei ministri ha approvato, dopo circa un’ora di discussione, il decreto immigrazione e sicurezza. «Decreto Sicurezza, alle 12.38 il Consiglio dei ministri approva…

24 Set 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Lavoro, Di Maio: «I giornali cercano di imputare al nostro governo i disastri di Renzi»

«Oggi tutti i giornali si rendono conto dei casini che il Pd ha combinato con il Jobs Act perché presto scadrà la cassa integrazione per…

24 Set 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia