Il Mezzogiorno torna a crescere | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il Mezzogiorno torna a crescere

sudLa SVIMEZ – l’Associazione per lo sviluppo dell’industria nel Mezzogiorno – ha anticipato alcuni dati contenuti nel rapporto sull’economia meridionale che verrà presentato nei prossimi mesi. Le statistiche certificano che nel 2015 il Mezzogiorno è cresciuto ad un ritmo superiore rispetto al Centro-Nord del Paese (+1% contro +0,7%). Una performance sottolineata anche dall’ISTAT nei giorni scorsi.
Tuttavia la SVIMEZ osserva che le condizioni, che hanno reso possibile la crescita dell’economia del Mezzogiorno, sono state diverse – un’annata agraria favorevole, la crescita del valore aggiunto del turismo e la chiusura della programmazione dei Fondi strutturali europei 2007-2013 che ha portato ad un’accelerazione della spesa pubblica – e difficilmente ripetibili nei prossimi anni.
Tant’è che le stime della SVIMEZ prevedono una crescita meno consistente per il 2016: quest’anno il Prodotto interno lordo (PIL) italiano dovrebbe aumentare dello 0,8% – un incremento inferiore rispetto a quella stimato dal governo nel Documento d’economia e finanza (+1,2%) –, con il Sud in evidente rallentamento rispetto al 2015 (+0,3%).
La situazione dovrebbe migliorare nel 2017. Secondo la SVIMEZ, il prossimo anno il PIL dell’Italia aumenterà dell’1% su base annua, raggiungendo il +0,9% al Sud e l’1,1% nel resto del Paese. Per quanto positiva – nel 2015 il Mezzogiorno è tornato a crescere dopo sette anni –, l’aumento registrato lo scorso anno ha permesso di recuperare solo una parte della ricchezza perduta negli anni della crisi economica: dal 2007 il PIL del meridione si è ridotto del 12,3%, circa il doppio della flessione registrata nel Centro-Nord (-7,1%).

 

Scrivi una replica

News

Governo, il Cdm ha approvato il decreto sicurezza e immigrazione

Il Consiglio dei ministri ha approvato, dopo circa un’ora di discussione, il decreto immigrazione e sicurezza. «Decreto Sicurezza, alle 12.38 il Consiglio dei ministri approva…

24 Set 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Lavoro, Di Maio: «I giornali cercano di imputare al nostro governo i disastri di Renzi»

«Oggi tutti i giornali si rendono conto dei casini che il Pd ha combinato con il Jobs Act perché presto scadrà la cassa integrazione per…

24 Set 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Tusk: «Quella di Londra è una posizione inflessibile ma compromesso ancora possibile»

«La posizione britannica presentata appena prima e durante il vertice a Salisburgo è stata sorprendentemente dura e inflessibile», tuttavia «resto convinto che sia ancora possibile…

24 Set 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Petrolio: Wti a 72,15 dollari al barile e Brent a 80,42 dollari

All’avvio dei mercati asiatici il greggio texano Wti è stato scambiato a 72,15 dollari al barile mentre il Brent è stato scambiato a 80,42 dollari.…

24 Set 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia