Giù la fiducia di consumatori e imprese | T-Mag | il magazine di Tecnè

Giù la fiducia di consumatori e imprese

spesa-carrelloNel corso del mese di agosto l’Istituto nazionale di statistica ha rilevato un brusco calo sia per l’indice che misura la fiducia dei consumatori, sia per quello che misura la fiducia delle imprese.
In particolare, l’Istat segnala un calo di due punti per la fiducia dei consumatori italiani, da 111,2 punti a 109,2, risultato della flessione di tutte le componenti dell’indice. Dalle tabelle allegate al resoconto si può osservare, infatti, un calo di 4,3 punti per il clima economico (da 129,8 a 125,5) di 1,4 punti per quello personale (da 105 a 103,6) di 1,9 per quello corrente (da 109,1 a 107,2) e di 2,6 punti per il clima futuro (da 114,8 a 112,2).
Si registra, inoltre, un peggioramento dei giudizi riguardanti la situazione economica dell’Italia (da -54 a -60), come anche delle attese (da -9 a -15), e sulla situazione economica della famiglia (da -34 a -38). Migliorano invece le attese sulla disoccupazione (da 30 a 35) e i giudizi sul bilancio familiare (da -1 a 4).
Più marcata la flessione dell’indice di fiducia delle imprese che, secondo le rilevazioni dell’Istat, è sceso da 103 a 99,4. Anche in questo caso si tratta della diretta conseguenza del peggioramento che ha interessato tutte le tipologie di imprese considerate.
In particolare l’indice di fiducia dell’industria manifatturiera è sceso dai 102,9 punti di luglio ai 101, 1 di agosto. I giudizi sugli ordini sono passati da -14 a -18 mentre le attese di produzione sono scese da 10 punti a 9.
Per le imprese attive nel settore delle costruzioni si è invece rilevata una contrazione di quasi tre punti, da 126,2 a 123,5. In questo caso i giudizi su ordini e/o piani di costruzione sono scesi a -28 punti dai -24 della rilevazione precedente. Stabili a -9 punti le attese sull’occupazione.
Notevole il crollo che ha interessato la fiducia delle imprese dei servizi di mercato: da 108,3 a 102,4. Per le aziende attive nel settore si registra un calo di quattro punti per i giudizi sufli ordini (da 7 a 3) e marcate flessioni per le attese sugli ordini (da 8 a 1) e sull’economia (da 8 a 3).
Marcata anche la discesa dell’indice di fiducia delle imprese del commercio. In questo caso l’indice è passato dai 101,3 punti di luglio a 97,1. I giudizi sulle vendite sono crollati da 6 punti a -4, mentre le attese da 21 a 16.

 

Scrivi una replica

News

Alimentare, cresce il “Made in Italy”

Secondo l’analisi del Centro Studi CoMar, «le società italiane del settore alimentare-bevande sono, sempre più, un punto di forza dell’economia Italiana: sono 227 le aziende…

11 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: «Stipendio medio cala a 13,9 euro all’ora»

«La retribuzione oraria media delle posizioni lavorative riferite ai dipendenti del settore privato (misurata dal registro statistico RACLI) è stata di 13,80 euro nel 2014,…

11 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Tria: «Reddito e pensioni restano»

«Reddito di cittadinanza e pensioni restano ma le misure tecnicamente richiederanno qualche mese per essere realizzate. La manovra non verrà rivoluzionata. La manovra non verà…

11 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Ue: «Contrari alla riapertura dei negoziati»

«Ci sono stati lunghi negoziati per questa intesa sulla Brexit, sulle possibili relazioni future, e sulla questione dei confini irlandesi. Quella sul tavolo è la…

11 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia