Il fatturato dei servizi sostiene la ripresa | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il fatturato dei servizi sostiene la ripresa

Dal settore il maggiore contributo, anche in termini di livelli occupazionali

fatturato_serviziIl fatturato dei servizi accelera nel secondo trimestre, cresciuto dell’1% rispetto al primo periodo dell’anno e ad un ritmo superiore rispetto a quanto registrato nei due trimestri precedenti. Un aumento che ha interessato diversi comparti: trasporto aereo (+3%), servizi postali e attività di corriere (+1,9%), manutenzione e riparazione autoveicoli (+1,3%), servizi di informazione e comunicazione (+0,6%) e commercio all’ingrosso (+0,2%). Non è un dato trascurabile, che quasi permette al governo di tirare un lieve sospiro di sollievo perché allontana, o almeno così potrebbe essere, il rischio di una stagnazione economica. Di solito, infatti, un miglioramento degli indici di fatturato del settore dei servizi rappresenta un importante passo in avanti in quanto anticipatore di più generali tendenze al rialzo.
La doccia gelata è giunta quando l’Istat, nel mese di agosto, ha indicato per il secondo trimestre del 2016 una crescita pari a zero, mostrando perciò tutti i limiti di una ripresa ancora fragile e paventando per quest’anno un aumento del Pil al di sotto delle attese. C’è però da considerare che proprio dai servizi si è ricavato un contributo positivo, in linea con quanto evidenziato nel recente passato.
Anche la crescita osservata nell’ultima parte dello scorso anno aveva messo in risalto l’andamento positivo dei servizi. Buone prestazioni, insomma, che hanno coinvolto il mercato del lavoro. Migliori livelli occupazionali erano stati rilevati nel 2015 in tutti i settori di attività economica (e non solo in Italia), ma è stato nei servizi che si è osservata la maggiore crescita, in taluni casi superando i valori del 2008.
A luglio l’indice Pmi composito, che monitora l’attività dei settori manifatturiero e dei servizi, ha registrato una frenata, ma quello relativo ai servizi è andato bene, salendo a 52 punti dai 51,9 di giugno (e nonostante le attese, al ribasso, degli analisti). Inoltre, nel terziario, veniva osservata una crescita dell’occupazione a ritmo sostenuto.
Eppure, già in quell’occasione, dall’indagine di Markit emergeva una visione meno ottimistica delle aziende per il resto dell’anno (conferme in questo senso sono arrivate di recente), quasi a presagire un nuovo rallentamento dell’economia.

 

Scrivi una replica

News

Regno Unito, Stephen Paul Barclay nominato ministro per la Brexit

Stephen Paul Barclay, 46 anni, è stato nominato ministro per la Brexit del Regno Unito. Barclay succede a Dominic Raab, dimessosi giovedì, poche ore dopo…

16 Nov 2018 / 1 Commento / Leggi tutto »

Asi, Piero Benvenuti nominato commissario straordinario dell’ente

Il decreto di commissariamento dell’ASI, l’Agenzia Spaziale Italiana, che nomina l’astrofisico Piero Benvenuti come commissario straordinario dell’ente, succedendo all’ex presidente Roberto Battiston, e come sub…

16 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, il 19 gennaio Horst Seehofer lascerà la guida della Csu

Il ministro dell’Interno tedesco, Horst Seehofer, lascerà la guida della CSU – l’Unione Cristiano-Sociale in Baviera, il partito fratello della CDU -, il 19 gennaio,…

16 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Eurozona, ad ottobre inflazione in crescita al 2,2%

Ad ottobre 2018, l’inflazione nell’Eurozona è cresciuta al 2,2%, in aumento dello 0,1% rispetto a settembre. Lo rende noto l’Eurostat, l’Ufficio statistico dell’Unione europea, confermando,…

16 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia