Istat: retribuzioni contrattuali in crescita dello 0,6% su luglio 2015 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Istat: retribuzioni contrattuali in crescita dello 0,6% su luglio 2015

Alla fine di luglio 2016 i contratti collettivi nazionali di lavoro in vigore per la parte economica riguardano il 31,8% degli occupati dipendenti e corrispondono al 30,6% del monte retributivo osservato.
A luglio la quota dei dipendenti in attesa di rinnovo per l’insieme dell’economia è pari al 68,2%, in aumento rispetto al mese precedente. L’attesa del rinnovo per i lavoratori con il contratto scaduto è in media di 38,2 mesi. L’attesa media calcolata sul totale dei dipendenti è di 26,0 mesi, in crescita rispetto a una anno prima (21,0).
Nello stesso mese l’indice delle retribuzioni contrattuali orarie rimane invariato rispetto al mese precedente e aumenta dello 0,6% nei confronti di luglio 2015. Complessivamente, nei primi sette mesi del 2016 la retribuzione oraria media è cresciuta dello 0,6% rispetto al corrispondente periodo del 2015.
Con riferimento ai principali macrosettori, a luglio le retribuzioni contrattuali orarie registrano un incremento tendenziale dello 0,7% per i dipendenti del settore privato (0,4% nell’industria e 1,2% nei servizi privati) e una variazione nulla per quelli della pubblica amministrazione.
I settori che presentano gli incrementi tendenziali maggiori sono: tessili, abbigliamento e lavorazione pelli (3,1%); commercio (2,0%); trasporti, servizi postali e attività connesse (1,9%). Si registrano variazioni nulle nei settori dell’agricoltura; del legno, carta e stampa; della metalmeccanica; dei servizi di informazione e comunicazione; delle telecomunicazioni e in tutti i comparti della pubblica amministrazione. Inoltre, si registra una variazione negativa dello 0,5% nel settore dell’acqua e servizi di smaltimento rifiuti.
Tra i contratti monitorati dall’indagine, nel mese di giugno sono stati recepiti quattro nuovi accordi e due sono venuti a scadenza. Complessivamente i contratti in attesa di rinnovo sono 49 (di cui 15 appartenenti alla pubblica amministrazione) relativi a circa 8,8 milioni di dipendenti (di cui circa 2,9 milioni nel pubblico impiego).
E’ quanto si legge in un comunicato stampa diffuso dall’Istat.

 

Scrivi una replica

News

Trattativa Stato-mafia: condannati gli ex vertici del Ros, assolto Nicola Mancino

Gli ex vertici del Ros, Mario Mori, Antonio Subranni e Giuseppe De Donno, l’ex senatore Marcello Dell’Utri, Massimo Ciancimino e i boss mafiosi Bagarella e…

20 Apr 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Governo, Casellati: «Il capo dello Stato ha deciso di prendersi due giorni di riflessione»

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha deciso di prendersi due giorni di riflessione. Lo ha riferito la presidente del Senato, Maria Elisabetta Casellati, dopo…

20 Apr 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Governo, Berlusconi: «Nessun accordo è possibile con i 5 Stelle»

«Nessun accordo è possibile con i 5 Stelle, un partito che non conosce l’ABC della democrazia, che prova invidia sociale, formato solo da disoccupati, e…

20 Apr 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Governo, Casellati: «Da consultazioni spunti di riflessione politica»

«Da consultazioni spunti di riflessione politica». Lo ha detto la presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, intervenendo dal Quirinale. «Mattarella saprà individuare il percorso…

20 Apr 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia