Prosegue la crescita delle imprese straniere | T-Mag | il magazine di Tecnè

Prosegue la crescita delle imprese straniere

Per quanto dinamica, una parte consistente dellʼimprenditoria straniera non resiste a lungo: le imprese guidate da titolari stranieri hanno un ciclo di vita più breve

lavoratori_stranieriNell’ultimo anno il contributo degli imprenditori stranieri al commercio italiano è stato consistente, ma non al punto tale da porre fine alla desertificazione che caratterizza il settore ormai da diverso tempo. L’Osservatorio Confesercenti rileva che, ad agosto 2016, le imprese etniche sono cresciute di circa settemila unità (+4,6%) rispetto all’anno precedente, superando quota 160mila. Un aumento notevole che non ha comunque fermato il calo di attività presenti complessivamente sul territorio nazionale: nel periodo considerato (agosto 2015–agosto 2016) il settore del commercio ha perso quasi 1.916 negozi (-0,2%).
Le imprese straniere offrono un contributo importante anche sul fronte occupazionale: la crescita degli addetti, registrata tra le imprese straniere, è sette volte superiore alla media del comparto (+8,7% contro +1,7%).
Le zone d’ombra non mancano: per quanto dinamica, una parte consistente dell’imprenditoria straniera non resiste a lungo. Confesercenti osserva che le imprese guidate da titolari stranieri hanno un ciclo di vita molto più breve rispetto alla media del settore, con oltre un terzo delle attività che chiude entro i due anni dall’apertura.
Una buona parte delle attività straniere preferisce il commercio ambulante a quello in sede fissa: con 103.164 attività, pari al 53,1% del totale, gli imprenditori stranieri rappresentano la maggioranza tra gli ambulanti, che sono cresciuti molto negli ultimi anni: qualche mese, fa Confesercenti osservava che alcuni fattori (il caro affitti, l’incremento di imposte e tariffe) stanno spingendo il commercio “verso la strada e il web”.
Tuttavia, da un’analisi delle banche dati INPS effettuata da Confesercenti emerge che quasi 100mila imprese di commercio su aree pubbliche, di cui l’83% (oltre 70mila) a titolarità straniera, non hanno mai versato un contributo negli ultimi due anni.

 

Scrivi una replica

News

Beirut: “Saltato il contratto per il gas con Mosca”

“Eravamo praticamente sul punto di firmare il nostro primo contratto per lo sviluppo di giacimenti di gas grazie alla partecipazione di compagnie russe: ora stiamo…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Usa: “In Europa c’è un alto rischio di attacchi dell’Isis”

“Gli incidenti in Francia, Russia, Svezia, Gran Bretagna, Spagna e Finlandia dimostrano che l’Isis e i suoi affiliati hanno la capacità di pianificare e compiere…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, May: “Sono fiduciosa che si possa passare alla seconda fase”

“Sono fiduciosa che il mese prossimo i leader Ue possano dare il via libera alla seconda fase dei negoziati sulla Brexit”. Lo ha detto Theresa…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Davis: “Offerto compromesso all’Ue”

“La Gran Bretagna ha offerto alcuni compromessi creativi in sede di negoziato sulla Brexit ma non sempre ha trovato disponibilità da parte dell’Ue”. Lo ha…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia