Professionisti in aumento negli anni della crisi | T-Mag | il magazine di Tecnè

Professionisti in aumento negli anni della crisi

Particolarmente rilevante è stato il contributo offerto dalle “nuove” professioni

professionistiPer l’Ufficio studi di Confcommercio la dinamica occupazionale è stata positiva dal 2008 ad oggi

L’Ufficio studi di Confcommercio rileva che, rispetto a quanto accaduto altrove, tra i professionisti la dinamica occupazionale è stata positiva dal 2008 ad oggi. Secondo la ricerca Riavviare la crescita: il ruolo delle professioni nel terziario di mercato, tra il 2008 e il 2014 – un periodo particolarmente delicato sul fronte occupazionale, durante il quale sono andati persi 800mila posti di lavoro –, il numero dei professionisti è cresciuto (+130mila unità) fino a raggiungere quota un milione e 300mila unità circa (ad oggi i professionisti rappresentano il 5,8% dell’occupazione totale).
Particolarmente rilevante (circa l’85% dei nuovi posti di lavoro è riconducibile a loro) è stato il contributo offerto dai cosiddetti non ordinistici – ovvero “le nuove” professioni (amministratori di condominio, informatici, wedding planner, designer…) non organizzate in ordini o collegi –, che ad oggi sono 338mila unità (+48,8% in più rispetto al 2008).
A crescere, però, è stato anche il reddito complessivo prodotto dai professionisti è salito di quasi il 16%, passando dai 4,9 miliardi del 2008 ai 5,6 miliardi del 2014, in controtendenza rispetto a quanto registrato altrove: nello stesso periodo di tempo, il reddito di impresa è diminuito del 5,9%.
Lo studio osserva comunque che in termini aggregati il reddito individuale dei professionisti non ordinistici è stato pari a poco più di 16.600 euro nel 2014, circa un terzo di quello dei cosiddetti ordinistici (45.839 euro) e oltre quattro volte inferiore a quello medio di impresa (84.489 euro).
Qualche tempo fa la CNA, la Confederazione nazionale dell’artigianato e della piccola e media impresa, aveva tracciato un identikit del lavoratore “non ordinista” medio, che solitamente ha 46 anni – la componente giovanile risulta pari al 41,7% del totale –, sei volte su dieci è maschio e possiede un alto livello d’istruzione. Otto su dieci hanno conseguito titoli specifici per esercitare, anche se oltre la metà di questi titoli non sarebbero obbligatori, ma volti a elevare la competenza personale.

 

Scrivi una replica

News

Bankitalia vede al rialzo le stime di crescita dell’Italia

La Banca d’Italia ha rivisto al rialzo le stime di crescita dell’economia italiana. Nel bollettino economico, Bankitalia ha scritto che il Prodotto interno lordo crescerà…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, nel 2017 il 47% delle imprese ha utilizzato almeno un social media

Nel 2017, il 47% delle imprese dell’Unione europea ha usato almeno un social media – blog, siti di condivisione dei contenuti, social network… -, con…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Senato, Mattarella nomina Liliana Segre senatrice a vita

Liliana Segre, sopravvissuta ad Auschwitz, è stata nominata senatrice a vita dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ai sensi dell’articolo 59, secondo comma, della Costituzione.…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gentiloni: “Cooperazione indispensabile per la lotta al terrorismo”

“Non dobbiamo mai dimenticare quanto sia indispensabile la componente della cooperazione allo sviluppo grazie al quale le relazioni con questi paesi possono aiutarci a costruire…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia