Istat: “Ad agosto importazioni esportazioni in crescita su base mensile” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Istat: “Ad agosto importazioni esportazioni in crescita su base mensile”

“Rispetto al mese precedente, ad agosto 2016 si registra un aumento per entrambi i flussi, più ampio per le importazioni (+4,4%) rispetto alle esportazioni (+2,6%). Il surplus commerciale è di 2,5 miliardi (+1,9 miliardi ad agosto 2015)”. Lo rende noto l’ISTAT, l’Istituto nazionale di statistica, attraverso la diffusione di un comunicato stampa.
“L’aumento congiunturale dell’export – si legge nella nota – è trainato dalla crescita delle vendite verso i mercati Ue (+3,9%), sono in aumento anche quelle verso l’extra Ue (+0,9%). I prodotti energetici (+8,3%) e i beni strumentali (+3,9%) registrano un marcato aumento.
Nel trimestre giugno-agosto 2016, rispetto al trimestre precedente, l’aumento dell’export (+1,1%) è determinato esclusivamente dall’area Ue (+1,9%). Ad agosto 2016 l’incremento tendenziale dell’export (+11,4%), pari all’11,8% per l’area Ue e all’11,0% per quella extra Ue, è attenuato dalla correzione effettuata per i giorni lavorativi (22 ad agosto 2016 contro i 21 di agosto 2015). Al netto di tale effetto la crescita dell’export è pari a 6,8%.
Le vendite di autoveicoli (+67,6%) e di apparecchi elettrici (+20,1%) sono in forte aumento, mentre le esportazioni di prodotti petroliferi raffinati (-11,4%) contrastano la crescita tendenziale dell’export.
Ad agosto 2016 le esportazioni verso Cina (+28,2%), Giappone (+24,3%), Repubblica ceca (+21,7%) e paesi ASEAN (+21,0%) registrano un marcato incremento tendenziale. Si segnala invece la diminuzione delle vendite verso Russia (-8,2%) e paesi MERCOSUR (-7,4%).
Ad agosto 2016 la crescita tendenziale dell’import è pari a +9,4% (+5,5% corretta per l’effetto di calendario) ed è determinata sia dall’area Ue (+12,8%) sia da quella extra Ue (+5,2%). Nel primi otto mesi dell’anno l’avanzo commerciale raggiunge 33,6 miliardi (+50,5 miliardi al netto dei prodotti energetici).
Nel mese di agosto 2016 l’indice dei prezzi all’importazione dei prodotti industriali rimane invariato rispetto al mese precedente e diminuisce del 2,5% nei confronti di agosto 2015.
La riduzione dei prezzi all’importazione dipende principalmente dalle dinamiche del comparto energetico, al netto del quale – conclude l’ISTAT – l’indice registra un aumento dello 0,2% rispetto al mese precedente e una diminuzione dell’ 1,5% in termini tendenziali”.

 

Scrivi una replica

News

Kenya, convalidata l’elezione di Kenyatta. È presidente

La Corte Suprema del Kenya ha convalidato l’elezione di Uhuru Kenyatta, respingendo i due ricorsi presentati dall’opposizione. A settembre la Corte Suprema aveva annullato per…

20 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Titoli di Stato: spread tra Btp e Bund a 147 punti

All’avvio dei mercati finanziari lo spread tra Btp e Bund si è attestato a 147 punti.…

20 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti: morto Charles Manson, aveva 83 anni

Charles Manson, serial killer e leader della setta Family, è morto a 83 anni per l’aggravarsi di una malattia. Considerato uno dei killer più sanguinari…

20 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Beirut: “Saltato il contratto per il gas con Mosca”

“Eravamo praticamente sul punto di firmare il nostro primo contratto per lo sviluppo di giacimenti di gas grazie alla partecipazione di compagnie russe: ora stiamo…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia