Per la cultura ora gli italiani spendono di più | T-Mag | il magazine di Tecnè

Per la cultura ora gli italiani spendono di più

Dal rapporto Federculture emerge un aumento del 4% nel 2015. Già lʼIstat aveva rilevato un incremento della spesa media mensile
di Redazione

Nel 2015 è cresciuta la spesa che le famiglie destinano alla cultura. L’incremento, spiega Federculture nel suo rapporto, è stato del 4%, raggiungendo quota 67,8 miliardi. Il dato non stupisce perché conferma quanto già osservato dall’Istat, quando rilevò per lo stesso arco temporale un aumento della spesa media mensile per beni e servizi ricreativi, spettacoli e cultura.

spesa_cultura

Semmai il dato importante è il recupero avvenuto lo scorso anno, dopo le perdite consistenti registrate nel periodo 2012-2013. Infatti, nel 2012, la quota di spesa dedicata a consumi culturali e ricreativi da parte delle famiglie italiane si attestava molto al di sotto della media europea, per poi migliorare soltanto in seguito.
Entrando nel dettaglio il rapporto Federculture osserva che sono aumentati gli italiani che si recano a teatro (+4% nel 2015 sull’anno precedente +8% sul 2013), ma anche quelli che hanno visitato i musei risultano in crescita del 7% rispetto al 2014 e del 18% sul 2013. In aumento è la quota di quanti, tra le fasce più giovani, si sono interessati a eventi di questo tipo.
Numeri, insomma, che mostrano una netta inversione di tendenza rispetto al trend degli anni passati. Nei periodi presi in esame i consumi culturali avevano registrato un crollo con la spesa che si attestava a -7%, mentre la fruizione era in caduta vertiginosa (-15,5% nel caso del teatro, per rendere l’idea).
Quello culturale è un comparto di fondamentale importanza per la nostra economia se consideriamo tutte le voci che possono contribuire alla crescita. Si prenda il caso del turismo culturale che, si sottolinea nel rapporto Federculture, è cresciuto del 7% in termini di presenze e del 5% di presenze. Sebbene l’Italia, in questo senso, abbia recuperato posizioni nella classifica della competitività turistica del World economic forum, una quota elevata di spesa legata al turismo culturale (64,5%) – soprattutto da parte di stranieri – si concentra in cinque regioni, che sono Lazio, Lombardia, Veneto, Toscana e Campania.
Ad ogni modo il 18,5% degli italiani (circa undici milioni di persone) non partecipa alla vita culturale e ricreativa del paese. Tuttavia in calo dell’1% nel 2015 rispetto al 2014. L’Istat, sempre nel 2015, aveva rilevato una crescita media mensile nelle spese per beni e servizi ricreativi, spettacoli e cultura delle famiglie del 4,1%, vale a dire di 126,41 euro.

 

Scrivi una replica

News

Ratko Mladic condannato all’ergastolo per crimini contro l’umanità

Ratko Mladic – ex comandante dell’esercito serbo bosniaco – è stato condannato all’ergastolo dal Tribunale penale internazionale dell’Aja. È stato riconosciuto colpevole di genocidio e…

22 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Zimbabwe, Mnangagwa giurerà venerdì da nuovo presidente

Il nuovo presidente dello Zimbabwe, Emmerson Mnangagwa, giurerà nel corso della cerimonia che si terrà nella giornata di venerdì 24 novembre.…

22 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Usura, Confesercenti-Sos Impresa: “Vittime 200.000 imprenditori”

“Durante la recessione, il mercato del credito illegale ‘a strozzo’ ha raggiunto un giro d’affari di circa 24 miliardi e coinvolge circa 200 mila imprenditori…

22 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Petrolio: Wti a 57,91 dollari al barile e Brent a 63,23 dollari

All’avvio dei mercati asiatici il greggio texano Wti è stato scambiato a 57,91 dollari al barile mentre il Brent è stato scambiato a 63,23 dollari…

22 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia