Una lingua da salvaguardare o in espansione? | T-Mag | il magazine di Tecnè

Una lingua da salvaguardare o in espansione?

La nostra lingua è invasa da termini stranieri, ma a quanto sembra pure l'italiano riesce ad esercitare un certo fascino all'estero
di Silvia Capone

Nei giorni scorsi l’ex sindaco di Roma, Gianni Alemanno, ha presentato a Firenze, città scelta non a caso, una proposta di legge a tutela della lingua italiana. Questa proposta si pone come primo obiettivo l’esclusivo uso di termini italiani per le leggi, quindi evitare l’abuso che spesso si fa anche in materia legislativa di parole straniere, soprattutto inglesi. La proposta sarà consegnata anche all’Accademia della Crusca (e messa a disposizione dei parlamentari interessati a sottoscriverla), l’istituto per lo studio e la salvaguardia della lingua italiana, impegnata formalmente in questa direzione già da un anno con il gruppo “Incipit”, ovvero linguisti italiani e svizzeri che hanno lo scopo di monitorare i neologismi e i forestierismi incipienti, prima che entrino nell’uso corrente della lingua. L’istituto ha infatti indetto nel febbraio dello scorso anno un convegno intitolato “La lingua italiana e le lingue romanze di fronte agli anglicismi”, in cui già si era messo in luce l’abuso di termini anglofoni quando non necessari. Altra questione si pone dinanzi l’impossibilità di riportare fedelmente, con un termine italiano, parole straniere quali spread. I termini anglofoni utilizzati inutilmente tendono a confondere le idee dell’uditore che spesso non comprende del tutto il significato di frasi e parole che sente abitualmente, legate al mondo dell’economia, della tecnologia e della comunicazione, (la Samsung fa una ricerca ogni anno sulla comprensione dei termini tecnologici, l’87% degli italiani intervistati ammette di aver usato parole senza capirne il significato). In soldoni: il problema, evidenziato anche dall’Accademia della Crusca, non è l’uso di termini anglofoni in sé, ma l’utilizzo della lingua inglese in sostituzione dell’italiano.

891px-giorgio_vasari_-_six_tuscan_poets_-_google_art_projecttAEjO0AZRz5F7A at Google Cultural Institute, zoom level maximum, Pubblico dominio, Collegamento

Diversi studiosi linguisti ritengono che il “prestito linguistico” comprenderebbe molte aree conoscitive e la sostituzione di parole o termini specifici sarebbe alla base di una forma di “subordinazione” rispetto ad una lingua più diffusa per ragioni politiche, economiche e commerciali. Talvolta le fusioni sono il risultato del contatto tra le popolazioni, ma oggi si parla più di scambio. Secondo i dati del GRADIT, il Grande dizionario italiano dell’uso, gli anglicismi riportati dal 1990 al 2003 sono 1.417, 109 l’anno. Sebbene la maggior parte di questi sia specifico di un ambito e quindi non colloquialmente utilizzato, esiste una grossa fetta di parole che nel linguaggio di tutti i giorni soppiantano termini italiani non per la scarsità del nostro vocabolario. Alcuni esempi? All-inclusive, cover, check out e, per assurdo, made in Italy per designare qualcosa di tipicamente italiano.
Bisogna però sfatare il mito della dimensione esclusivamente locale della nostra lingua. I dati riportati durante l’evento “Stati Generali della lingua italiana nel mondo”, presentato alla Farnesina, sono quasi inaspettati perché descrivono la lingua italiana come la quarta più studiata al mondo, con una crescita sorprendente nell’anno scolastico 2014/15 quando gli studenti stranieri di lingua italiana nel mondo sono stati 2 milioni 233 mila e 373 (in aumento, dunque, rispetto al milione e 700 dell’anno precedente). Sorprende, tale risultato, poiché l’italiano non è una lingua di scambi commerciali, né “universale” come l’inglese o il cinese, rispettivamente prima e seconda della classifica.
Secondo il rapporto degli Stati generali della lingua, tra le motivazioni principali che spingono uno straniero a studiare l’italiano emergono l’arte, la cultura, la musica e la letteratura, segno di un’idea di lingua antica e romanza percepita all’estero. Ma c’è anche una chiave di lettura decisamente più “moderna”. Non dobbiamo dimenticare le eccellenze italiane come la moda, l’enogastronomia, il lusso e il design: settori di attività economica che possono incentivare i giovani stranieri (che magari auspicano di lavorare in questi ambiti) a conoscere la nostra lingua.

 

Scrivi una replica

News

Dl Dignità, Di Maio: «La fiducia? Spero di no»

«Spero di no, però mi aspetto, e questo lo auspico, perché il Parlamento è sovrano, che ci sia un atteggiamento costruttivo sulle modifiche. Se poi…

20 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Alessandro Rivera sarà il prossimo direttore generale del Mef

Alessandro Rivera sarà il nuovo direttore generale del ministero del ministero dell’Economia. Lo riferisce l’agenzia Reuters, citando «tre fonti vicine alla situazione». Ha 47 anni…

20 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Inps, Di Maio: «Boeri? Non ho il potere di rimuoverlo»

Il presidente dell’INPS «Boeri? Io non ho il potere di rimuovere questa persona: o scade oppure resta lì». Lo ha detto il vice premier Luigi…

20 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cdp, Fabrizio Palermo nuovo amministratore delegato

Fabrizio Palermo è il nuovo amministratore delegato di CDP, la Cassa depositi e Prestiti. Lo riferisce l’agenzia di stampa Reuters, citando «tre fonti vicine alla…

20 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia