Le caratteristiche del lavoro indipendente | T-Mag | il magazine di Tecnè

Le caratteristiche del lavoro indipendente

Rispetto al terzo trimestre 2008 la diminuzione è di circa 400 mila unità, -7,1%
di Redazione

Al cospetto di un rallentamento della crescita economica e di un mercato del lavoro alquanto statico, quello autonomo si è rivelato negli anni una valida alternativa al lavoro dipendente. Il Censis, nel suo ultimo rapporto, osserva che su cento laureati, circa 20 svolgono la professione in modo autonomo, contro i 13 della Germania, i nove della Francia e gli 11 della media europea. E ogni 100 lavoratori autonomi con una età compresa tra 15 e 74 anni, in Italia ci sono 16 professionisti, contro i 14 della Germania, i 12 del Regno Unito e i due della media europea.

pmi

In verità anche il lavoro autonomo ha subito rallentamenti negli anni della crisi, considerato poi che in questo segmento – come suggerisce l’Istat – esiste una pluralità di figure e diversi gradi di autonomia, dagli imprenditori ai collaboratori. È in quest’ultima fattispecie che si registra la maggiore incidenza di giovani (e di donne; nel complesso il 5,7% degli autonomi, l’1,3% degli occupati). Ma nel terzo trimestre 2016 si è pure osservata la contrazione più consistente, in questa categoria, sul terzo trimestre 2008: -28%, tenendo comunque conto dei recenti cambiamenti normativi che hanno incentivato le transizioni verso il lavoro dipendente.
L’Istat stima in generale cinque milioni e 386 mila lavoratori indipendenti (dati aggiornati al terzo trimestre dell’anno), con una diminuzione sullo stesso periodo del 2008 di circa 400 mila unità (-7,1%), un calo che ha coinvolto soprattutto gli uomini e la fascia di età 25-44 anni. Nel trimestre precedente si era registrato invece un aumento, ma il nuovo calo porta ora tale componente a rappresentare meno di un quarto del totale dell’occupazione.
Nel periodo dell’anno considerato gli autonomi con almeno un dipendente sono 1,4 milioni e la crisi prolungata, spiega l’Istat, “ha determinato una netta flessione di questo aggregato” che rappresenta il 26,6% degli autonomi e il 6,3% del totale degli occupati, così ripartito: il 15,3% è imprenditore e i restanti sono liberi professionisti o lavoratori in proprio (incidenze maggiori di uomini e ultracinquantenni).
Gli autonomi senza dipendenti con più clienti ammontano a 2,6 milioni (e rappresentano l’11,2% degli occupati). Rappresentano la quota più consistente del lavoro indipendente (il 47,7%), anche in questo caso con incidenze maggiori di uomini. La fascia maggiormente coinvolta è quella dei 35-49enni. I monoclienti sono invece 741 mila, il 13,8% degli autonomi (3,2% sul totale).
Per l’Istat i primi sono quelli più rappresentativi del lavoro autonomo, mentre gli autonomi con un solo cliente “presentano maggiori elementi di vulnerabilità e sono più esposti ai rischi derivanti dal ciclo economico”. A fronte di un calo degli autonomi nell’ultimo trimestre che ha riguardato tutte le categorie, quelli con un cliente sono risultati in aumento di 116 mila unità. Per oltre il 40% – afferma a tale proposito l’Istat – “l’aumento riguarda chi dichiara di non decidere autonomamente la propria sede e/o l’orario di lavoro, configurando una condizione intermedia tra autonomia e subordinazione”.

 

Scrivi una replica

News

Eurozona, a giugno indice Pmi in aumento rispetto al mese precedente

A giugno attività economica dell’Eurozona in crescita, trainata dai servizi. Lo sostiene il sondaggio Pmi curato da IHS Markit. L’indice preliminare composito – che unisce…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Dazi, Boccia (Confindustria): «Fanno del male all’Italia e all’Europa»

«Siamo un Paese ad alta vocazione di export e quindi i dazi fanno del male all’Italia e all’Europa. Ecco perché su questo aspetto dobbiamo essere…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, nel primo trimestre il Pil rallenta a +0,2%

Nel primo trimestre 2018, il Prodotto interno lordo della Francia è cresciuto dello 0,2%, in rallentamento rispetto al trimestre precedente (+0,7%). Lo rende noto l’INSSE,…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Di Maio: «Spero che settimana prossima possa partire il decreto dignità»

«Spero che la settimana prossima possa partite il decreto dignità». Lo ha affermato Luigi Di Maio arrivando al congresso Uil. «La norma eliminerà la burocrazia…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia