Migliorano le condizioni delle famiglie | T-Mag | il magazine di Tecnè

Migliorano le condizioni delle famiglie

Aumenta la spesa per consumi e si alleggeriscono le forme di indebitamento. Ma il valore della disuguaglianza reddituale resta elevato
di Redazione

Solo di recente si è assistito ad un aumento della propensione al risparmio, che però nel biennio 2014-2015 era rimasta inferiore al periodo pre-crisi. Contestualmente crescevano, seppure in maniera lieve, reddito disponibile e potere d’acquisto (a cui ha contribuito la frenata della dinamica inflazionistica), contribuendo – come osserva l’Istat nel rapporto Bes 2016 (benessere equo e sostenibile) – al recupero della spesa per consumi.

spesa_consumi_famiglie

A tale proposito ci sono da fare alcune considerazioni, perché nel confronto internazionale l’Italia ha attraversato una fase di crisi più profonda rispetto ad altri partner europei. Il periodo 2012-2013, per molti paesi membri dell’Ue, ha rappresentato una nuova battuta d’arresto, in particolare così è stato proprio da noi. I segnali di miglioramento si sono cominciati a osservare nel 2014.
Una caratteristica importante è l’alleggerimento delle forme di indebitamento delle famiglie, che invece in precedenza avevano inciso sul comportamento di consumo. La conseguenza, intanto, è stata una minore vulnerabilità finanziaria. Il recupero di fiducia si è così tradotto in un calo dell’indicatore soggettivo di grande difficoltà economica. Ma attenzione: in generale i segnali di miglioramento non sono altrettanto evidenti per le fasce più deboli della popolazione.
Infatti, cosa è accaduto contemporaneamente? Che il valore della disuguaglianza reddituale nel 2015 è stato il medesimo del 2013, il più alto dell’ultimo decennio. Dunque i miglioramenti effettivamente rilevati non si sono tradotti in una flessione dei livelli di povertà. È proprio l’elevata disuguaglianza nella distribuzione del reddito a determinare il maggiore rischio di povertà. E l’Italia, con il 19,9% della popolazione a rischio, si colloca al di sopra della media europea per 2,6 punti percentuali. Valori simili si registrano in Portogallo e Grecia.
L’Istat stima che circa l’11,5% della popolazione residente in Italia è gravemente deprivata, con una quota sensibilmente inferiore solo a quella registrata in Lettonia (16,4%), Ungheria (19,4%), Grecia (22,2%), Romania (22,7%) e Bulgaria (34,2%). I capitoli di spesa in cui sono emerse particolari difficoltà comprendono la possibilità di riscaldare adeguatamente l’abitazione, potersi permettere una settimana di ferie lontano da casa e fare un pasto proteico almeno ogni due giorni, valori tutti decisamente superiori alla media europea.

 

Scrivi una replica

News

Sicilia, Minniti: “L’Osce non monitora elezioni a livello locale”

“Le missioni dell’OSCE vengono solitamente predisposte in occasione dei maggiori appuntamenti elettorali parlamentari o presidenziali e non per le elezioni di livello locale”. Lo ha…

18 Ott 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bankitalia, Renzi: “Occorre scrivere una pagina nuova”

“La nostra mozione di ieri spiega con forza che c’è bisogno di scrivere una pagina nuova”. Lo ha detto il segretario del Partito democratico, Matteo…

18 Ott 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Lavoro, Draghi: “Il Jobs Act ha creato quasi mezzo milione di occupati”

“Gli incentivi fiscali hanno dimostrato di essere in grado di aumentare l’efficacia delle riforme”. Lo ha detto il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi,…

18 Ott 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mercato immobiliare, gli stranieri “sono in prima fila nella ricerca di una casa da acquistare”

“Gli stranieri sono in prima fila nella ricerca di una casa da acquistare. Si stima che almeno un milione di persone, in affitto o in…

18 Ott 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia