Ucciso a Milano Anis Amri, il presunto autore dell’attentato di Berlino | T-Mag | il magazine di Tecnè

Ucciso a Milano Anis Amri, il presunto autore dell’attentato di Berlino

Gli agenti della Polizia di Stato hanno ucciso Anis Amri, l’uomo considerato il responsabile dell’attentato di Berlino, a Milano. Lo ha annunciato il ministro dell’Interno, Marco Minniti, intervenendo nel corso di una conferenza stampa, al Viminale. Il presunto attentatore è stato ucciso, nelle prime ore di venerdì 23 dicembre in piazza 1° maggio, nei pressi della stazione ferroviaria di Sesto San Giovanni. La sparatoria è avvenuta dopo che gli agenti avevano chiesto al giovane di esibire i documenti, ma il giovane si è rifiutato e ha estratto dal suo zaino una pistola ferendo un poliziotto alla spalla. A quel punto l’altro poliziotto ha risposto al fuoco uccidendo Anis Amri.

 

Scrivi una replica

News

Brexit, Macron: “Il passaggio alla fase 2 del negoziato è nelle mani della May”

“Il passaggio alla fase 2 del negoziato sulla Brexit è nella mani di Theresa May. Sul fronte finanziario non siamo neanche a metà del cammino…

20 Ott 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Siria, Raqqa dichirata ufficialmente libera dalle forze filo-Usa

Le forze filo-Usa hanno dichiarato Raqqa ufficialmente libera. La città era “capitale” dello Stato islamico ed è stato ufficialmente dichiarato libera da ogni presenza di…

20 Ott 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Catalogna, accordo Pp-Pse per elezioni a gennaio in caso di commisariamento con art. 155

Se la regione ribelle sarà commissariata con l’art. 155 della costituzione, il premier spagnolo Mariano Rajpy e il leader Psoe Pedro Sanchez hanno deciso di…

20 Ott 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gentiloni: “Possibili misure su web tax in manovra”

“Nella cena di ieri i leader Ue hanno discusso a lungo di web tax, ma voglio sia chiaro che i tempi Ue, così come quelli…

20 Ott 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia