Nel 2016 oltre 41mila imprese in più | T-Mag | il magazine di Tecnè

Nel 2016 oltre 41mila imprese in più

Lo scorso anno si è chiuso con un tessuto imprenditoriale più numeroso che continua ad offrire un contributo importante sul fronte occupazionale, anche tra le imprese di micro e piccole dimensioni
di Redazione

Il dato è in linea con quello dell’anno precedente – il 2016 è terminato con 41 mila imprese in più rispetto al 2015, quando il saldo fu positivo per 45.181 unità –, anche se non riguarda tutti gli ambiti d’attività.

lavoro_imprese

Circa il 60% delle 41mila imprese registrate in più nel 2016 da Movimprese, l’indagine di Unioncamere e InfoCamere sulla natalità e la mortalità delle imprese italiane registrate presso le Camere di Commercio, è attivo infatti in soli tre settori: il turismo, il commercio e i servizi alle imprese. Ad altri comparti (costruzioni, manifatturiero) è andata meno bene, nonostante un generale rallentamento delle chiusure – nel 2016 sono state 322.134 – che ha compensato il numero più basso di iscrizioni degli ultimi dieci anni (363.488).
Il 2016 si è chiuso dunque con un tessuto imprenditoriale più numeroso e che continua ad offrire un contributo importante nella creazione di nuovi posti di lavoro.
Tra gennaio e dicembre dello scorso anno, è proseguita la crescita dell’occupazione nelle micro imprese e nell’artigianato (+2,4% su base annua) come avvenuto nel 2015 (i dati sono dell’Osservatorio della CNA, che passa in rassegna un campione di 20.500 imprese artigiane, micro e piccole con 125mila dipendenti).
Dall’analisi dei dati emerge che l’incremento è riconducibile principalmente al calo delle cessazioni (-7,1%) e all’incremento del tempo determinato. L’Osservatorio della CNA osserva che si è esaurito l’effetto degli incentivi sulle assunzioni a tempo indeterminato, in calo del 43,7% rispetto al 2015.
A crescere dell’11% nell’arco di un anno sono le assunzioni con contratti a tempo determinato, che rappresentano il 63% del totale dei nuovi posti di lavoro. Secondo la CNA, il dato dimostra “che, in questa fase, la flessibilità è un fattore importante per favorire la crescita occupazionale nelle imprese più piccole”. Anche i contratti di apprendistato crescono del 25,7%. Il tempo indeterminato resta comunque il contratto più utilizzato dalle micro e le piccole imprese dell’artigianato e viene applicato al 76,3% dei dipendenti.

 

Scrivi una replica

News

Unione petrolifera: “Consumi in calo nel 2017 dell’1,6%”

“Nel 2017 i consumi petroliferi sono stati pari a 58,5 milioni di tonnellate, con un decremento dell’1,6% (-932.000 tonnellate) rispetto allo stesso periodo del 2016.…

18 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, sussidi disoccupazione ai minimi dal 1973

Sono calate di 41.000 unità le richieste di sussidi alla disoccupazione negli Stati Uniti la scorsa settimana, toccando quota 220.000 e segnando i minimi dal…

18 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue: “Iva, meno burocrazia per le pmi”

“Più flessibilità e norme comuni sull’Iva per gli Stati, agevolazioni e meno burocrazia per le pmi”. È questa l’ultima misura avanzata dalla Commissione Ue nel…

18 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Banche, Commissione europea: “In Italia ottimi progressi sugli Npl”

Tra i Paesi dell’Unione europea, l’Italia è tra quelli che hanno ottenuto i risultati migliori nella riduzione della propria quota di Npl, i crediti deteriorati.…

18 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia