Produttività in calo, ripresa ancora fragile | T-Mag | il magazine di Tecnè

Produttività in calo, ripresa ancora fragile

Per l'Ocse il nostro paese dovrebbe intervenire per rafforzare la propria economia. Nel periodo 1995-2015 Italia fanalino di coda nell'UE
di Redazione

Tra i motivi che rendono la ripresa dell’Italia ancora fragile, l’Ocse sottolinea il continuo calo della produttività. Infatti, secondo l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, il nostro paese dovrebbe intervenire su questo fronte, oltre che sul rilancio degli investimenti, per rafforzare la propria economia.

industry-1140760_1280

È un problema che potremmo definire quasi atavico, che non coinvolge esclusivamente l’Italia, ma che da noi si fa sentire in modo particolare. Tanti i fattori che influiscono sull’andamento della produttività, compreso l’invecchiamento della popolazione che stando a diversi studi – dal Fondo monetario internazionale alla Commissione europea – può avere un impatto negativo in termini di ricchezza non generata.
L’Italia, ad ogni modo, è fanalino di coda nell’UE per produttività del lavoro. Stando ai più recenti dati Istat sul tema, tra il 1995 e il 2015 la produttività del lavoro – calcolata come il valore aggiunto per ora lavorata – è cresciuta mediamente dello 0,3% all’anno, mentre nell’Unione europea la crescita media annua è stata dell’1,6%.
Contemporaneamente altri paesi mostravano tassi di crescita in linea con la media UE: Germania (+1,5%), Francia (+1,6%), Regno Unito (+1,5%). Anche il tasso spagnolo si è attestato su valori inferiori alla media europea, ma mantenendosi al di sopra di quelli italiani (+0,6%).
Non solo: se consideriamo l’ultimo anno analizzato, il 2015, l’Italia è stato l’unico paese a registrare una flessione della produttività del lavoro (-0,3%), in un contesto tuttavia di rallentamento che ha riguardato – tra gli altri – Germania, Francia e Spagna, che pure hanno evidenziato variazioni positive.
Nello stesso lasso di tempo (1995-2015) la produttività totale dei fattori – che misura la crescita nel valore aggiunto attribuibile al progresso tecnico, a miglioramenti nella conoscenza e nell’efficienza dei processi produttivi – è risultata in calo ad un tasso medio annuo dello 0,1%, ma l’indicatore ha mostrato un trend al rialzo proprio negli anni della crisi: +0,8% medio annuo nel periodo 2009-2013, +0,7% nel 2014 e +0,4% nel 2015.

 

Scrivi una replica

News

Francia, nel 2016 il Pil è cresciuto dell’1,1% rispetto all’anno precedente

Nel quarto trimestre del 2016, il Prodotto interno lordo della Francia è cresciuto sia su base trimestrale (+0,4%) quanto su quella annuale (+1,1%). Lo ha…

24 Mar 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Portogallo, nel 2016 rapporto tra deficit e Pil in calo al 2,1%

Nel 2016, il rapporto tra il deficit e il Prodotto interno lordo portoghese era pari al 2,1%, in calo dopo il 4,4% dell’anno precedente. Lo…

24 Mar 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gentiloni: “Non vogliamo un’ Europa divisa”

“Non vogliamo una Europa divisa, l’Europa è unita e indivisibile, ma vogliamo anche andare avanti su una idea comune di Europa, in aree ad esempio…

24 Mar 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Dombrovskis: “L’Italia ha una ripresa modesta”

“L’Italia avrà quest’anno una crescita di circa l’1%. E’ una ripresa modesta, è molto importante rimanere in rotta rispetto alla traiettoria fiscale e di riforme”.…

24 Mar 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia