Produttività in calo, ripresa ancora fragile | T-Mag | il magazine di Tecnè

Produttività in calo, ripresa ancora fragile

Per l'Ocse il nostro paese dovrebbe intervenire per rafforzare la propria economia. Nel periodo 1995-2015 Italia fanalino di coda nell'UE
di Redazione

Tra i motivi che rendono la ripresa dell’Italia ancora fragile, l’Ocse sottolinea il continuo calo della produttività. Infatti, secondo l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, il nostro paese dovrebbe intervenire su questo fronte, oltre che sul rilancio degli investimenti, per rafforzare la propria economia.

industry-1140760_1280

È un problema che potremmo definire quasi atavico, che non coinvolge esclusivamente l’Italia, ma che da noi si fa sentire in modo particolare. Tanti i fattori che influiscono sull’andamento della produttività, compreso l’invecchiamento della popolazione che stando a diversi studi – dal Fondo monetario internazionale alla Commissione europea – può avere un impatto negativo in termini di ricchezza non generata.
L’Italia, ad ogni modo, è fanalino di coda nell’UE per produttività del lavoro. Stando ai più recenti dati Istat sul tema, tra il 1995 e il 2015 la produttività del lavoro – calcolata come il valore aggiunto per ora lavorata – è cresciuta mediamente dello 0,3% all’anno, mentre nell’Unione europea la crescita media annua è stata dell’1,6%.
Contemporaneamente altri paesi mostravano tassi di crescita in linea con la media UE: Germania (+1,5%), Francia (+1,6%), Regno Unito (+1,5%). Anche il tasso spagnolo si è attestato su valori inferiori alla media europea, ma mantenendosi al di sopra di quelli italiani (+0,6%).
Non solo: se consideriamo l’ultimo anno analizzato, il 2015, l’Italia è stato l’unico paese a registrare una flessione della produttività del lavoro (-0,3%), in un contesto tuttavia di rallentamento che ha riguardato – tra gli altri – Germania, Francia e Spagna, che pure hanno evidenziato variazioni positive.
Nello stesso lasso di tempo (1995-2015) la produttività totale dei fattori – che misura la crescita nel valore aggiunto attribuibile al progresso tecnico, a miglioramenti nella conoscenza e nell’efficienza dei processi produttivi – è risultata in calo ad un tasso medio annuo dello 0,1%, ma l’indicatore ha mostrato un trend al rialzo proprio negli anni della crisi: +0,8% medio annuo nel periodo 2009-2013, +0,7% nel 2014 e +0,4% nel 2015.

 

Scrivi una replica

News

Migranti, Ue: “Siamo pronti a sostenere l’Italia per affrontare la situazione”

L’Unione europea non conosce “il numero preciso” di migranti che attraverseranno il mar Mediterraneo per raggiungere le coste europee dalla Libia. Lo ha sottolineato il…

21 Feb 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Juncker: “Il Regno Unito pagherà una fattura salata”

Quello per la Brexit “sarà un negoziato difficile e non sarà a costo ridotto o zero”. Lo ha detto il presidente della Commissione europea, Jean…

21 Feb 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Svezia, Stoccolma: “Non vogliamo entrare nella Nato”

La Svezia non vuole entrare nella NATO. Lo ha detto il ministro degli Esteri svedese, Margot Wallstrom, intervenendo nel corso di una conferenza stampa congiunta…

21 Feb 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Pd, Renzi: “Ci dispiace per gli addii ma guardiamo avanti”

“Se qualcuno vuole lasciare la nostra comunità, questa scelta ci addolora, ma la nostra parola d’ordine rimane quella: venite, non andatevene”. Lo ha scritto il…

21 Feb 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia