I settori preferiti dagli imprenditori under-35 | T-Mag | il magazine di Tecnè

I settori preferiti dagli imprenditori under-35

L'indagine di Unioncamere ha rilevato come gli imprenditori più giovani siano attivi soprattutto nei settori legati ad internet, come le telecomunicazioni. Ma anche in quelli tradizionali legati al Made in Italy
di Redazione

Nel corso del 2016 la consueta indagine di Unioncamere e Infocamere ha censito 608.204 imprese guidate da giovani con meno di 35 anni, un numero in crescita grazie al saldo positivo di 63.646 unità (+10,2%).

computer_lavoro

In termini assoluti, il settore più “navigato” dai giovani è quello del commercio al dettaglio (esclusi gli autoveicoli) con 115.309 imprese registrate a fine dicembre e 14.675 nuove iscrizioni nel corso del 2016. Il peso delle imprese giovani, attive in questo specifico settore sul totale delle nuove iscrizioni, è però del 39,9%, di oltre dieci punti inferiore al settore delle telecomunicazioni.
Nonostante siano solo 2.181 le imprese attive nel campo delle telecomunicazioni con a capo un under-35 registrate a fine dicembre 2016, con 236 nuove iscrizioni il peso sulle iscrizioni totali di imprese del settore è del 52,4%, la quota più ampia tra tutti i comparti analizzati. A seguire – sempre in base alla graduatoria legata al peso sul totale delle iscrizioni di quel settore – troviamo poi le attività ausiliarie dei servizi finanziari, con un peso pari al 49,3% e 3.381 iscrizioni nel corso del 2016. Al terzo posto, invece, la voce “altre attività di servizi per la persona”, con un peso del 46,2%.
Nell’indagine, l’Unione italiana delle Camere di commercio sottolinea poi come gran parte delle imprese gestite da giovani, siano attive in settori tradizionali del Made in Italy come, ad esempio, la ristorazione e l’agricoltura.
Nella ristorazione le imprese attive a fine 2016 erano infatti quasi cinquantamila, mentre le nuove aziende iscritte nel corso del 2016 sono state circa 9.500. Nonostante ciò, però, il peso delle imprese giovani sul totale delle aziende agricole iscritte nel 2016 è il più basso tra i settori analizzati, appena il 33,2%.
Risultati migliori invece interessato la ristorazione: le imprese attive registrate a fine anno sono, infatti, 58.233, mentre le iscrizioni nell’arco dei dodici mesi si sono attestate a 6.151 con un peso sul totale delle nuove iscrizioni del settore pari al 39,1%.

 

Scrivi una replica

News

Banche, Di Maio: «Il sistema bancario per la sua arroganza»

«Il sistema bancario la deve pagare perché ha avuto un atteggiamento arrogante infischiandosene dei risparmiatori e dello Stato ed è stato protetto da ambienti politici…

17 Lug 2018 / 3 Commenti / Leggi tutto »

Tria: «Nel 2018 l’economia italiana potrebbe crescere dell’1,5% circa»

L’economia italiana può chiudere il 2018 «con una crescita non lontana da quella programmata» nel Documento di economia e finanza, pari al +1,5%. Lo ha…

17 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, il 25 luglio Juncker incontrerà Trump a Washington

«Il presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker si recherà a Washington mercoledì 25 luglio dove sarà ricevuto dal presidente Trump alla Casa Bianca». Lo rende…

17 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Da inizio 2018 morti 1.443 migranti nel mar Mediterraneo

Dal 1° gennaio al 15 luglio 2018, 50.872 migranti hanno raggiunto l’Europa via mare. Lo rende noto l’OIM, l’Organizzazione internazionale per le migrazioni. Mentre sono…

17 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia