La crisi politica del Partito democratico | T-Mag | il magazine di Tecnè

La crisi politica del Partito democratico

Per il 67% degli intervistati, tra quanti dichiarano che voterebbero PD in caso di elezioni politiche, la responsabilità del rischio scissione è della minoranza, il 27% indica invece Renzi. I risultati del sondaggio Tecnè per Porta a Porta
di Redazione

Il popolo vicino al Partito democratico è in larga parte contrario alla scissione, un rischio che dopo l’Assemblea del 19 febbraio è tutt’altro che scongiurato. I contrari sono infatti il 63% degli intervistati da Tecnè in un sondaggio per Porta a Porta. Favorevoli il 30%, non sa il 7%. Il 67% degli interpellati, poi, attribuisce la responsabilità dello strappo alla minoranza, mentre per il 27% è del segretario uscente ed ex premier Matteo Renzi (senza opinione il 6%). Non si nota invece una grande distanza di giudizio nelle ragioni alla base della scissione: il 49% indica l’incompatibilità tra i leader, il 45% le divergenze politiche eccessive.

diapositiva_01

diapositiva_02

diapositiva_03

Diverse ipotesi in vista del congresso su chi – tra quanti andrebbero a votare alle primarie del PD – voterebbero: Renzi, ad oggi, avrebbe il 64% dei consensi, mentre il ministro della Giustizia Andrea Orlando, in caso di una sua candidatura, otterrebbe il 33%. Qualora il principale sfidante fosse Michele Emiliano, Renzi otterrebbe il 63% (a Emiliano il 21% e a Orlando il 15%).

diapositiva_04

diapositiva_05

Coloro che voterebbero un nuovo partito di sinistra nato dalla scissione del PD, indicano Bersani – nel 37% dei casi – quale leader. A seguire Emiliano (31%), Speranza (15%) e Rossi (8%). Tra quelli invece che voterebbero PD in caso di elezioni politiche, la sinistra è la parte politica più indicata per governare: la pensa così il 59% del campione. Sostiene con NCD e i centristi il 15%, con Forza Italia il 3%, con il M5S appena l’1% (senza opinione il 22%).

diapositiva_06

diapositiva_07

INTENZIONI DI VOTO
Tecnè ha valutato due scenari: uno contempla il PD unito, l’altro il PD con la scissione. Nel primo caso, se si andasse al voto oggi, il Partito democratico otterrebbe il 29% dei favori. Meglio andrebbe al Movimento 5 Stelle, con il 30% dei consensi. Forza Italia e Lega Nord si attesterebbero entrambe al 13%, Fratelli d’Italia al 5%, Sinistra Italiana al 4%, NCD al 2%, UDC all’1% (altri al 3%). Nel secondo scenario, immaginando cioè l’avvenuta scissione, il PD scenderebbe al 23% mentre il nuovo partito di sinistra otterrebbe il 10,5%. A questo punto, però, Sinistra Italiana calerebbe al 2,5% e il Movimento 5 Stelle al 27,5%.

diapositiva_08

NOTA METODOLOGICA
Titolo dell’indagine: la crisi politica del PD
Tipo di campione: rappresentativo della popolazione di 18 anni e oltre residente in Italia Articolazione del campione: sesso, età e area geografica
Estensione territoriale: intero territorio nazionale
Numerosità del campione complessivo: 2.000 casi
Sub-campione elettori PD delle Europee 2014: 641 casi
Margine di errore sull’intero campione: +/- 2,2%
Margine di errore sub-campione: +/- 3,9%
Metodo di rilevazione: CATI – CAMI – CAWI
Data di effettuazione delle interviste: 19-20 febbraio 2017
Committente: Porta a Porta
Soggetto realizzatore: Tecnè S.r.l.

 

Scrivi una replica

News

È morto Stefano Rodotà, giurista e primo Garante della Privacy

È morto all’età di 84 anni Stefano Rodotà, giurista, politico, già garante della privacy, il primo dal 1997 al 2005. Nel 2013 il M5S propose…

23 Giu 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

UE, Angela Merkel: “Vertice ha mostrato spirito di rinnovata fiducia”

“È stato un vertice che ha mostrato uno spirito di rinnovata fiducia. E Francia e Germania forse hanno contribuito in questo”. Lo ha detto Angela…

23 Giu 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Gentiloni: “Proposta May è dimostrazione di buone intenzioni, ma da verificare”

“La proposta del premier britannico Theresa May è una dimostrazione di buone intenzioni, ma ci sono molte cose da verificare nel merito”. Lo ha dichiarato…

23 Giu 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Juncker: “Proposta May è un primo passo, ma non sufficiente”

“L’offerta del premier britannico Theresa May sui diritti dei cittadini è un primo passo, ma non è sufficiente”. È quanto dichiarato il presidente della Commissione…

23 Giu 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia