Le PMI ora sono più ottimiste | T-Mag | il magazine di Tecnè

Le PMI ora sono più ottimiste

La quota cresce al 57% tra le pmi che esportano i propri prodotti o servizi verso i mercati esteri
di Redazione

Il 50% delle piccole e medie imprese italiane si dichiarano ottimiste sui prossimi sei mesi. Una quota che cresce tra quelle esportatrici. Lo studio, condotto da Facebook con la collaborazione dell’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo economico (OCSE) e della Banca mondiale, rivela che solo una percentuale molto bassa, pari al 13%, si esprime negativamente mentre il 37% è neutrale.

lavoro

Tra le imprese intervistate – l’indagine è stata condotta coinvolgendo 7.400 aziende proprietarie di una pagina “business” –, c’è meno ottimismo sul fronte occupazionale: nell’ultimo semestre, il 70% delle piccole e medie imprese non ha modificato il numero dei propri dipendenti e nei prossimi sei il 71% prevede di non cambiare, anche se c’è un piccolo segno di miglioramento: il 20% pensa di incrementare il numero degli addetti impiegati nel breve futuro e solo il 9% prevede di tagliarlo.
L’indagine Facebook-OCSE-Banca mondiale osserva che la quota delle imprese, che si dichiarano ottimiste per i prossimi sei mesi, cresce al 57% tra le realtà che esportano i propri prodotti e servizi verso i mercati esteri.
Il 2017 dovrebbe essere un anno positivo per l’export italiano. L’ultimo rapporto di Euler Hermes prevede che le esportazioni dal nostro Paese dovrebbero crescere del 2,2%.
Ad offrire un contributo determinante saranno le politiche avviate dal nuovo presidente degli Stati Uniti, Donald J.Trump, che garantiranno alle imprese italiane una crescita addizionale dell’export sul mercato statunitense pari a 2,4 miliardi di euro. Solo la Germania farà meglio, sostengono gli analisti di Euler Hermes. Tra le imprese italiane, quelle attive nell’agroalimentare e nel comparto automobilistico dovrebbero ottenere i risultati migliori.
Lo studio sottolinea che il contributo maggiore alla crescita economica dell’Italia – il PIL italiano dovrebbe aumentare dello 0,8%, secondo Euler Hermes – arriverà proprio dalle esportazioni: la domanda interna dovrebbe frenare, realizzando una crescita modesta (+1%).

 

Scrivi una replica

News

Draghi: «Alzeremo i tassi in maniera paziente e graduale»

«Rimarremo pazienti nello scegliere le tempistiche del primo innalzamento dei tassi e utilizzeremo un approccio graduale per adeguare la politica successivamente». Lo ha detto il…

19 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Def, Tria: «Bisogna continuare con il calo del debito»

«Il quadro macroeconomico tendenziale del Def prevede un deficit allo 0,8% del Pil nel 2019 e il pareggio di bilancio nel 2020, con il debito…

19 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Tria: «L’Ue è inadeguata, serve una profonda riforma»

«La nostra azione in Europa deve essere volta verso una profonda riforma delle istituzioni economiche. È necessario che l’architettura economica che governa l’area valutaria comune…

19 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Draghi: «La Bce sarà paziente sul rialzo dei tassi»

«La Banca centrale europea rimarrà paziente nel determinare la tempistica del primo rialzo dei tassi, e adotteremo un approccio graduale nel regolare la politica monetaria».…

19 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia