La digitalizzazione creerà posti di lavoro | T-Mag | il magazine di Tecnè

La digitalizzazione creerà posti di lavoro

Ne sono convinti molti imprenditori italiani, coinvolti in un'indagine Manpower Group, che stimano un incremento compreso tra il 31 e il 40%
di Redazione

L’ultimo rapporto della Commissione europea conferma quanto rilevato lo scorso anno: l’Italia è tra i Paesi meno digitalizzati dell’UE. L’unica nota (leggermente) positiva arriva dalle imprese.

pubblica_amministrazione_digitale

Secondo il Digital Economy and Society Index 2017 (DESI) – ovvero l’indice che valuta lo stato di avanzamento dei Paesi dell’UE verso un’economia e una società digitali attraverso cinque indicatori (connettività, capitale umano, utilizzo di internet, integrazione della tecnologia digitale e servizi pubblici digitali) –, l’Italia è tra gli Stati membri dell’Unione europea meno sviluppati digitalmente: il nostro Paese è al 25esimo posto su 28. La stessa posizione dello scorso anno.
Il report rivela che siamo al di sotto della media europea in tutti gli indicatori del DESI, anche se per quanto riguarda l’utilizzo delle tecnologie digitali da parte delle imprese e l’erogazione di servizi pubblici on-line, il nostro Paese si avvicina alla media UE.
Quelle stesse imprese che (a breve) opereranno in un contesto sempre più digitalizzato. Come ammesso dalla stragrande maggioranza degli imprenditori e dei manager intervistati da Manpower Group in uno studio, Skills Revolution, presentato in occasione del World Economic Forum 2017.
Oltre il 90% degli imprenditori intervistati – l’indagine è stata condotta su un campione di circa 18mila datori di lavoro sparsi in 43 Paesi – sostiene che la propria impresa avrà un impatto inevitabile con la “quarta rivoluzione industriale” nei prossimi due anni e con tutto ciò che ne consegue.
La “quarta rivoluzione industriale” sarà caratterizzata da una digitalizzazione crescente delle competenze dei lavoratori, con effetti benefici sul fronte occupazionale: l’83% del campione selezionato da Manpower sostiene che l’automatizzazione e la digitalizzazione del lavoro genereranno nuova occupazione.
Sono i datori di lavoro italiani ad aspettarsi il maggior incremento di nuovi posti di lavoro – l’aumento stimato è compreso tra il 31 e il 40% – grazie alla quarta rivoluzione industriale. Non tutti sono della stessa idea degli imprenditori italiani. Ad esempio, secondo gli imprenditori di Francia, Finlandia, Germania, Svezia e Svizzera, l’impatto potrebbe essere nullo o addirittura negativo: l’incremento occupazionale stimato non supera il 9%.

 

Scrivi una replica

News

Eurozona, a giugno indice Pmi in aumento rispetto al mese precedente

A giugno attività economica dell’Eurozona in crescita, trainata dai servizi. Lo sostiene il sondaggio Pmi curato da IHS Markit. L’indice preliminare composito – che unisce…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Dazi, Boccia (Confindustria): «Fanno del male all’Italia e all’Europa»

«Siamo un Paese ad alta vocazione di export e quindi i dazi fanno del male all’Italia e all’Europa. Ecco perché su questo aspetto dobbiamo essere…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, nel primo trimestre il Pil rallenta a +0,2%

Nel primo trimestre 2018, il Prodotto interno lordo della Francia è cresciuto dello 0,2%, in rallentamento rispetto al trimestre precedente (+0,7%). Lo rende noto l’INSSE,…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Di Maio: «Spero che settimana prossima possa partire il decreto dignità»

«Spero che la settimana prossima possa partite il decreto dignità». Lo ha affermato Luigi Di Maio arrivando al congresso Uil. «La norma eliminerà la burocrazia…

22 Giu 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia