Il costo del lavoro è ancora alto | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il costo del lavoro è ancora alto

Nonostante il calo registrato tra il 2014 e il 2016, un'analisi della CGIA di Mestre osserva che un dipendente costa all'impresa quasi il doppio dello stipendio netto
di Redazione

Il Documento di economia e finanza (DEF) potrebbe contenere novità sul cuneo fiscale – ovvero la differenza tra quanto un dipendente costa all’azienda e quanto lo stesso dipendente incassa, netto, in busta paga –, tra i più alti dell’area OCSE.

costo_lavoro

Tra i trenta Paesi dell’OCSE, l’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo economico, soltanto una manciata di economie – l’elenco include: Francia, Repubblica Ceca ed Estonia – hanno un carico contributivo per dipendente superiore a quello italiano, nonostante qualche (timido) miglioramento.
Nell’edizione 2017 del Rapporto sulla competitività dei settori produttivi, l’ISTAT osserva che “a partire dal 2014 si osserva un sostanziale recupero della competitività di prezzo attraverso il costo del lavoro, favorito anche dai provvedimenti di decontribuzione attuati nel 2015”.
Al terzo trimestre del 2016, rispetto allo stesso periodo del 2014, il costo del lavoro per l’insieme delle attività economiche è diminuito dell’1,3% in Italia e dello 0,2% in Spagna, mentre in Francia e in Germania è aumentato rispettivamente del 2,6 e del 5,2%. In Italia, il costo del lavoro rimane comunque consistente, condizionando la capacità di spesa degli italiani.
Uno studio della CGIA di Mestre – l’analisi ha esaminato la composizione delle buste paga di due lavoratori dipendenti entrambi occupati nel settore metalmeccanico dell’industria – ha provato a quantificarlo.
Dall’indagine emerge che il primo operaio, con uno stipendio netto mensile di poco superiore ai 1.350 euro, costava al suo datore di lavoro un po’ meno del doppio: 2.357 euro. Questo importo è dato dalla somma della retribuzione lorda (1.791 euro) e dal prelievo contributivo a carico dell’imprenditore (566 euro). Il cuneo fiscale è pari a 979 euro che incide sul costo del lavoro per il 41,5%.
Il secondo lavoratore, un impiegato con una busta paga netta di poco superiore a 1.700 euro, costava alla sua impresa oltre 3.200 euro, quasi doppio rispetto allo stipendio versato mensilmente. Questa cifra è composta dalla retribuzione mensile lorda (2.483 euro) a cui si aggiungono i contributi mensili versati dal titolare dell’azienda (729 euro). Il cuneo fiscale è di 1.503 euro, che incide sul costo del lavoro per il 46,8%.

 

Scrivi una replica

News

Inflazione: frena in Italia, stabile in Francia. Confermate le stime per Germania e Spagna

Il rallentamento del tasso di inflazione in Italia (che a luglio scende all’1,1% su base annua, dopo l’1,2% di giugno) si accompagna ai risultati di…

11 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Petrolio, l’AIE alza la stima sulla domanda mondiale per il 2017

L’AIE, l’Agenzia internazionale dell’energia, ha alzato (leggermente) le stime sulla domanda mondiale di petrolio nel 2017. Nel report, pubblicato oggi, venerdì 11 agosto, l’AIE sottolinea…

11 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Corea del Nord, Trump: “Siamo pronti a colpire”

“Le soluzioni militari sono ora pienamente predisposte, caricate e pronte a colpire, nel caso in cui la Corea del Nord dovesse agire in modo poco…

11 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Trasporto pubblico, l’Antitrust sanziona ATAC con una multa da 3,6 milioni di euro

L’ATAC – la municipalizzata che si occupa del trasporto pubblico a Roma – è stata sanzionata dall’Antitrust, l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, con…

11 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia