I fattori che potrebbero frenare i consumi | T-Mag | il magazine di Tecnè

I fattori che potrebbero frenare i consumi

Alcune analisi sostengono che i consumi delle famiglie italiane potrebbero subire un rallentamento e i motivi sono diversi
di Redazione

Durante uno dei suoi ultimi interventi, il governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco, ha sottolineato che “i rischi più elevati” per l’Italia e la zona euro “potrebbero derivare dall’accentuarsi di un clima di incertezza e di pessimismo che può scoraggiare i piani di spesa di famiglie”, rallentandone il ritorno ai livelli precedenti la crisi economica.

shopping-cart-1080840_1280

Il 2017 non dovrebbe essere un anno (particolarmente) positivo per i consumi: il Rapporto COOP prevede un ritmo di crescita inferiore rispetto all’ultimo biennio, dall’1% registrato nel 2014 e nel 2015 al +0,7% di quest’anno, dovuto soprattutto alla ripresa dell’inflazione e al rallentamento dei redditi.
Anche l’Outlook Italia di Confcommercio e del CENSIS prevede un incremento dei consumi meno consistente rispetto al 2016 (+0,6%). A preoccupare le famiglie c’è soprattutto l’andamento del mercato del lavoro – per quest’anno Confcommercio stima un aumento dell’occupazione 0,4% – e un del reddito disponibile reale delle famiglie, che aumenterà dello 0,3% a fronte di un +2,2% registrato nel 2016.
Se confermate, le stime contenute nel rapporto COOP e nell’Outlook Italia certificherebbero un rallentamento dei consumi, ancora molto lontani dai livelli precedenti alla crisi economica. Una stima dell’Ufficio economico di Confesercenti – il calcolo è stato elaborato sulla base dei dati dell’ISTAT – sostiene che nel 2015 la spesa media annuale delle famiglie italiane è stata pari a 22.882 euro, 856 euro in meno rispetto al 2007.
Non tutte le voci di spesa hanno subìto un taglio, però: tra il 2007 e il 2015 sono cresciute le spese fisse – termine con il quale si indicano le spese legate alla manutenzione della casa, all’acqua, l’elettricità e i combustibili per il riscaldamento – e, seppure in maniera meno marcata, anche quelle sanitarie e per la salute.
I consumatori hanno ridotto il budget destinato ad altre voci di spesa: un’altra indagine dell’Ufficio economico di Confesercenti sostiene che il commercio al dettaglio ha registrato una diminuzione delle vendite (alimentari e non) di circa 7,7 miliardi di euro, tra il 2010 e il 2016, pari ad oltre 300 euro di spesa in meno per famiglia.
La perdita non sarebbe equamente divisa tra le varie forme distributive, in realtà: a subire il contraccolpo peggiore sono i negozi della distribuzione tradizionale (-6,9 miliardi in sei anni). Meglio va alla grande distribuzione, che ha limitato le perdite, grazie (soprattutto) alle vendite alimentari nei discount.

 

Scrivi una replica

News

Istruzione, Italia penultima nell’Ue per numero di laureati

Nell’Unione europea, è cresciuta la quota di cittadini europei d’età compresa tra i 30 e i 34 anni con una laurea. Lo rende noto l’Eurostat,…

26 Apr 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Trump: “In arrivo il più grande taglio delle tasse della storia”

“Il più grande taglio delle tasse e la più ampia riforma fiscale della storia degli Stati Uniti”. Lo ha annunciato il segretario al Tesoro americano,…

26 Apr 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Alitalia, Gentiloni: “Non ci sono condizioni per una nazionalizzazione”

“Sulla questione Alitalia bisogna dire la verità, l’ho già detta prima, lo dico anche adesso: non ci sono le condizioni per una nazionalizzazione di Alitalia”.…

26 Apr 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Fca, utile netto primo trimestre 2017 +34%

Fca ha chiuso il primo trimestre 2017 con un utile netto pari a 0,6 miliardi di euro (+34%) e con un utile netto adjusted in…

26 Apr 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia