I fattori che potrebbero frenare i consumi | T-Mag | il magazine di Tecnè

I fattori che potrebbero frenare i consumi

Alcune analisi sostengono che i consumi delle famiglie italiane potrebbero subire un rallentamento e i motivi sono diversi
di Redazione

Durante uno dei suoi ultimi interventi, il governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco, ha sottolineato che “i rischi più elevati” per l’Italia e la zona euro “potrebbero derivare dall’accentuarsi di un clima di incertezza e di pessimismo che può scoraggiare i piani di spesa di famiglie”, rallentandone il ritorno ai livelli precedenti la crisi economica.

shopping-cart-1080840_1280

Il 2017 non dovrebbe essere un anno (particolarmente) positivo per i consumi: il Rapporto COOP prevede un ritmo di crescita inferiore rispetto all’ultimo biennio, dall’1% registrato nel 2014 e nel 2015 al +0,7% di quest’anno, dovuto soprattutto alla ripresa dell’inflazione e al rallentamento dei redditi.
Anche l’Outlook Italia di Confcommercio e del CENSIS prevede un incremento dei consumi meno consistente rispetto al 2016 (+0,6%). A preoccupare le famiglie c’è soprattutto l’andamento del mercato del lavoro – per quest’anno Confcommercio stima un aumento dell’occupazione 0,4% – e un del reddito disponibile reale delle famiglie, che aumenterà dello 0,3% a fronte di un +2,2% registrato nel 2016.
Se confermate, le stime contenute nel rapporto COOP e nell’Outlook Italia certificherebbero un rallentamento dei consumi, ancora molto lontani dai livelli precedenti alla crisi economica. Una stima dell’Ufficio economico di Confesercenti – il calcolo è stato elaborato sulla base dei dati dell’ISTAT – sostiene che nel 2015 la spesa media annuale delle famiglie italiane è stata pari a 22.882 euro, 856 euro in meno rispetto al 2007.
Non tutte le voci di spesa hanno subìto un taglio, però: tra il 2007 e il 2015 sono cresciute le spese fisse – termine con il quale si indicano le spese legate alla manutenzione della casa, all’acqua, l’elettricità e i combustibili per il riscaldamento – e, seppure in maniera meno marcata, anche quelle sanitarie e per la salute.
I consumatori hanno ridotto il budget destinato ad altre voci di spesa: un’altra indagine dell’Ufficio economico di Confesercenti sostiene che il commercio al dettaglio ha registrato una diminuzione delle vendite (alimentari e non) di circa 7,7 miliardi di euro, tra il 2010 e il 2016, pari ad oltre 300 euro di spesa in meno per famiglia.
La perdita non sarebbe equamente divisa tra le varie forme distributive, in realtà: a subire il contraccolpo peggiore sono i negozi della distribuzione tradizionale (-6,9 miliardi in sei anni). Meglio va alla grande distribuzione, che ha limitato le perdite, grazie (soprattutto) alle vendite alimentari nei discount.

 

Scrivi una replica

News

Francia, nel 2016 il Pil è cresciuto dell’1,1% rispetto all’anno precedente

Nel quarto trimestre del 2016, il Prodotto interno lordo della Francia è cresciuto sia su base trimestrale (+0,4%) quanto su quella annuale (+1,1%). Lo ha…

24 Mar 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Portogallo, nel 2016 rapporto tra deficit e Pil in calo al 2,1%

Nel 2016, il rapporto tra il deficit e il Prodotto interno lordo portoghese era pari al 2,1%, in calo dopo il 4,4% dell’anno precedente. Lo…

24 Mar 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gentiloni: “Non vogliamo un’ Europa divisa”

“Non vogliamo una Europa divisa, l’Europa è unita e indivisibile, ma vogliamo anche andare avanti su una idea comune di Europa, in aree ad esempio…

24 Mar 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Dombrovskis: “L’Italia ha una ripresa modesta”

“L’Italia avrà quest’anno una crescita di circa l’1%. E’ una ripresa modesta, è molto importante rimanere in rotta rispetto alla traiettoria fiscale e di riforme”.…

24 Mar 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia