L’export generato dall’e-commerce | T-Mag | il magazine di Tecnè

L’export generato dall’e-commerce

Nel 2016 l'export italiano è cresciuto – l'aumento su base annua è stato dell'1,2% –, anche grazie ad un canale di vendita non tradizionale
di Redazione

Un’indagine della School of management del Politecnico di Milano ha quantificato il valore complessivo delle esportazioni italiane generate dall’e-commerce. Il rapporto del Politecnico di Milano (Export digitale: una sfida, tante opportunità) certifica che nel 2016 l’export italiano di beni di consumo attraverso i canali digitali è cresciuto del 24% rispetto all’anno precedente, per un valore di mercato di 7,5 miliardi di euro.

digitale

Una somma che, per quanto in aumento, rappresenta ancora una quota marginale, pari a poco meno del 6%, delle esportazioni totali di beni di consumo destinati al cliente finale.
I prodotti esportati dalle nostre imprese verso il resto del mondo – Europa e Stati Uniti sono le destinazioni principali – sono quelli tipicamente Made in Italy. In ordine: l’abbigliamento, con poco più del 60% delle vendite complessive, i prodotti alimentari (17%), d’arredamento e di design (entrambi al 12%).
La ricerca rileva una forbice ancora molto ampia tra il valore dell’export online “diretto” – in cui l’interazione con il cliente è gestita da un operatore italiano attraverso i siti di produttori, portali dei retailer online o multicanale o marketplace “italiani” – l’export online “indiretto”, che passa attraverso i siti di eCommerce dei grandi retailer online stranieri, i grandi marketplace e i siti di vendite private internazionali. L’export diretto vale due miliardi di euro (+23%) mentre quello indiretto genera 5,5 miliardi.
L’e-commerce rappresenta un’opportunità per raggiungere clienti molto lontani. A capirlo sembrano essere soprattutto le imprese di piccole e medie dimensioni già presenti sui mercati stranieri, però.
Il Report FedEx sull’export delle PMI – l’analisi è stata condotta da Harris Interactive e ha coinvolto 4.500 aziende – rivela che, in Italia, il 78% delle piccole e medie imprese esportatrici è attivo nell’e-commerce e per di più con buoni risultati: le vendite digitali rappresentano in media il 23% dei ricavi totali di queste attività (tre PMI su dieci sostengono che questo dato crescerà nel 2017).

 

Scrivi una replica

News

Titoli di Stato: spread Btp/Bund a 136,4 punti

All’avvio dei mercati finanziari lo spread tra Btp e Bund si è attestato a quota 136,4 punti,…

22 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bankitalia vede al rialzo le stime di crescita dell’Italia

La Banca d’Italia ha rivisto al rialzo le stime di crescita dell’economia italiana. Nel bollettino economico, Bankitalia ha scritto che il Prodotto interno lordo crescerà…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, nel 2017 il 47% delle imprese ha utilizzato almeno un social media

Nel 2017, il 47% delle imprese dell’Unione europea ha usato almeno un social media – blog, siti di condivisione dei contenuti, social network… -, con…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Senato, Mattarella nomina Liliana Segre senatrice a vita

Liliana Segre, sopravvissuta ad Auschwitz, è stata nominata senatrice a vita dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ai sensi dell’articolo 59, secondo comma, della Costituzione.…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia