Il ruolo degli investimenti nella ripresa mondiale | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il ruolo degli investimenti nella ripresa mondiale

Nel primo trimestre del 2017 sia la produzione industriale che il commercio mondiale si sono mostrati in crescita
di Redazione

Il 2017 potrebbe essere seriamente l’anno di svolta per l’economia globale. Nel primo trimestre dell’anno in corso il Pil potrebbe infatti esser cresciuto del 3,5% secondo Morgan Stanley, ottenendo un contributo positivo sia dai Paesi avanzati che da quelli emergenti.

business-1850173_1280

Secondo la Congiuntura Flash del Centro Studi Confindustria la chiave della ripresa sono gli investimenti che, come spiegano da Viale dell’Astronomia, fungono da legame tra la produzione dell’industria manifatturiera e il commercio mondiale, previsti entrambi in ripresa nell’anno in corso.
Il commercio globale, per esempio, nel primo trimestre del 2017 è aumentato dell’1,2%, accelerando rispetto al +1,1% del quarto trimestre e mettendo a segno l’aumento più marcato degli ultimi due anni e mezzo. Contributi positivi sono giunti dalla crescita delle importazioni statunitensi (+2% tra il terzo ed il quarto trimestre del 2016) e di quelle dei Paesi emergenti asiatici (+3,1% nello stesso periodo).
Per quanto riguarda invece la produzione industriale, il CSC parla di un aumento di quella di beni d’investimento pari al +1,4% tra il quarto trimestre del 2016 ed il primo del 2017 – la prima dell’ultimo biennio – e di un +2,1% per quella di beni intermedi (che costituiscono oltre il 50% del commercio estero globale).
A fare da collante tra i due indicatori, come anticipato, sono gli investimenti. Negli Stati Uniti quelli fissi lordi hanno infatti registrato un +0,8% a gennaio. Per l’Eurozona, l’indicatore anticipatore di Confindustria parla dell’aumento maggiore degli ultimi 8,5 anni (solo in Italia nel 2016 gli investimenti in macchinari e mezzi di trasporto sono aumenti del 7,6%).
Situazione a due velocità invece per i Bric: se in Cina e in India si registra un aumento dell’1,3% e del 5,4% tra l’inizio del 2014 e la fine del 2016, in Russia e Brasile si è registrato un -10% ed un -29,7%.

 

Scrivi una replica

News

Quantitative easing, Draghi: “Ampie ricerche dimostrano il suo successo”

“Ampie ricerche empiriche hanno affermato il successo di queste politiche nel supportare l’economia e l’inflazione, sia nell’Eurozona, sia negli Usa”. Lo ha detto il presidente…

23 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, indice Pmi manifattura in crescita a 59,4 punti

Sale a 59,4 punti dai 58,1 di luglio l’indice Pmi manifatturiero della Germania nel mese di agosto. Il dato è superiore alle attese che prevedevano…

23 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Eurozona, indice Pmi manifattura in aumento a 57,4 punti

Cresce l’indice Pmi manifatturiero dell’Eurozona, che ha registrato un aumento a 57,4 punti nel mese di agosto, contro i 56,3 punti precedentemente stimati.…

23 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, indice Pmi manifattura in aumento a 55,8 punti. Ai massimi da 6 anni

L’indice Pmi manifatturiero della Francia ha registrato nel mese di agosto un balzo a 55,8 punti dai 54,9 di luglio, facendo registrare così i massimi…

23 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia