Famiglie: su credito al consumo e mutui, aumentano i debiti | T-Mag | il magazine di Tecnè

Famiglie: su credito al consumo e mutui, aumentano i debiti

Due studi di Unimpresa e Cgia certificano che le banche hanno ricominciato a concedere liquidità alle famiglie italiane
di Redazione

Recentemente uno studio di Unimpresa ha confermato che – nonostante permangano le difficoltà di accesso al credito per le imprese – per le famiglie i prestiti concessi dalle banche sono effettivamente in crescita. Una notizia che trova conferma anche in uno studio diffuso ultimamente dalla Cgia di Mestre, secondo cui lo stock dei debiti che le famiglie italiane hanno contratto nel corso del 2016 sono aumentati dell’1,6% rispetto al 2015.

calculator-1156121_1280

In termini assoluti, spiega l’Associazione degli artigiani e dei piccoli imprenditori, lo stock dei passivi accumulati con le banche (o con gli istituti creditizi) è passato dai 517,8 miliardi di euro del 2015 ai 525,8 miliardi del 2016, riportando un +8,8% rispetto ai 483,2 miliardi di euro del 2010 (riportando comunque un calo tra il 2011 ed il 2014 per poi risalire negli ultimi due anni considerati).
Entrando nel particolare, dal resoconto dell’Ufficio studi di Mestre emerge come le famiglie italiane siano mediamente indebitate per un importo di circa 20.300 euro. L’aumento, appunto dell’1,6%, come già spiegato è legato soprattutto all’apertura dei rubinetti delle banche per le liquidità legate a mutui e credito a consumo: nel primo caso, nei primi sei mesi del 2016, lo stock è aumentato dell’1,6%, nel secondo del 5,5%.
Una dinamica confermata anche dall’ultima analisi di Unimpresa (su dati di Bankitalia) relativa a inizio 2017, quando si è registrato un aumento dei prestiti legati al credito al consumo di circa cinque miliardi di euro e di sei miliardi di euro per quelli indirizzati all’acquisto di un’abitazione.

 

Scrivi una replica

News

Medio Oriente, Pence: “Ambasciata Stati Uniti a Gerusalemme entro il 2019”

L’ambasciata statunitense sarà trasferita da Tel Aviv a Gerusalemme entro il 2019. Lo ha annunciato il vice presidente degli Stati Uniti, Mike Pence, durante un…

22 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Conti pubblici, Berlusconi: “Rispetteremo la regola del 3%”

“La regola del 3% può essere discutibile, ma intendiamo rispettarla”. Lo ha detto il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, intervenendo nel corso della sua…

22 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Il Fmi ha alzato le stime di crescita per l’Italia per il 2017 e il 2018

Il Fondo monetario internazionale ha alzato le stime sulla crescita dell’Italia. Nell’aggiornamento del suo World Economic Outlook – il rapporto è stato presentato a margine…

22 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Maroni: “Ci sono opinioni diverse ma la Lega non è divisa”

“La Lega non è divisa, ci sono opinioni diverse e questa è la ricchezza del partito”. Così il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, parlando…

22 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia