Gli scambi commerciali generano lavoro | T-Mag | il magazine di Tecnè

Gli scambi commerciali generano lavoro

Soltanto nell'Unione europea circa 30 milioni di occupati dipendono dalle vendite di beni e servizi al resto del mondo
di Redazione

Le stime del WTO – ovvero l’Organizzazione mondiale del Commercio – prevedono che il 2017 sarà un anno migliore a quello precedente per gli scambi commerciali a livello globale, a due condizioni però: l’economia dovrà crescere secondo quanto previsto e i governi dovranno mantenere corrette politiche commerciali.

Secondo il WTO, quest’anno il commercio mondiale dovrebbe crescere ad un ritmo superiore rispetto al 2016 (+2,4% contro +1,3%).
Si tratta di una notizia positiva: in diversi rapporti, la Commissione europea osserva che, agendo tanto sull’offerta quanto sulla domanda, il commercio contribuisce a generare crescita economica e posti di lavoro. Soltanto nell’Unione europea, circa 30 milioni di occupati dipendono dalle vendite di beni e servizi al resto del mondo (nel 1995 erano dieci milioni di meno).
Del resto l’incremento degli scambi commerciali ha un impatto positivo sul fronte occupazionale: in media, nell’Unione europea, ogni aumento di un miliardo di euro nelle esportazioni crea 15mila nuovi posti di lavoro.
Il 2016 non è andato benissimo – lo scorso anno l’export dall’UE verso il resto del mondo ha raggiunto i 1.745,5 miliardi di euro, in calo del 2% rispetto al 2015 (i dati sono dell’Eurostat) –, mentre il 2017 è iniziato meglio: secondo le stime preliminari, a gennaio 2017 le esportazioni verso i Paesi extra-UE sono state pari a 141,2 miliardi (+16% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente).
Le esportazioni non hanno un impatto positivo soltanto sul Paese esportatore, in realtà: la Commissione europea sostiene che per ogni due posti di lavoro creati nello Stato membro in cui l’esportazione è contabilizzata, un altro posto è creato altrove nell’Unione europea.
Diverse ricerche confermano il contributo positivo dell’export: un’analisi del CER sull’integrazione internazionale e l’occupazione in Italia – il rapporto è stato realizzato con il sostegno di Unindustria e diffuso qualche settimana fa – osserva che le imprese italiane presenti sui mercati esteri sono più propense a generare nuova occupazione rispetto alle concorrenti non esportatrici.
Il sistema informativo Excelsior di Unioncamere lo conferma, rilevando che nel 2016 oltre il 36% delle imprese esportatrici ha previsto per lo stesso anno di assumere nuovo personale (la quota delle imprese non esportatrici, che hanno dichiarato la stessa intenzione, si ferma al 17%).

 

Scrivi una replica

News

Calenda: “Ok a detassazione sulla produttività”

“Concordo con Boccia sulle finalità di un ‘patto per la Fabbrica’ che avvicini la contrattazione all’impresa. E siamo pronti a fare la nostra parte valutando…

24 Mag 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Eurozona, Praet: “E’ entrata con una forte crescita nel secondo trimestre”

Gli ultimi dati dalle indagini congiunturali “indicano che l’economia dell’area dell’euro è entrata con una forte crescita nel secondo trimestre”. Lo ha detto il direttore…

24 Mag 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Boccia: “L’Italia deve continuare lungo la strada delle riforme”

“La sfida del Paese è continuare lungo la strada delle riforme: Per vincerla servono governabilità e stabilità”. Lo ha dichiarato Vincenzo Boccia nel corso dell’assemblea…

24 Mag 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Boccia: “Azzerare il cuneo fiscale su assunzione dei giovani”

“Azzerare il cuneo fiscale sull’assunzione dei giovani per i primi tre anni. Sapendo fin d’ora che dopo dovremo ridurlo per tutti”. È quanto proposto da…

24 Mag 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia