Il Fmi rialza le stime di crescita, ma non mancano le criticità | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il Fmi rialza le stime di crescita, ma non mancano le criticità

Per il 2017 il Fondo monetario prevede una crescita del Pil italiano dello 0,8% contro il +0,7% delle stime precedenti. Male il debito pubblico in rapporto al Pil, per cui si prevede una crescita al 132,8%
di Redazione

Il Fondo monetario internazionale – FMI – ha rivisto al rialzo le stime di crescita del Pil italiano. Mentre a gennaio il Fondo avanzava un +0,7% per l’anno in corso (contro il +0,9% del 2016), le stime più recenti indicano un +0,8%. In linea con il 2017 anche la crescita prevista per il 2018.

Il dato avanzato dal Fmi è senza dubbio un segnale incoraggiante per l’economia italiana, soprattutto perché arriva in un momento in cui il nostro Paese, ancora interessato dagli strascichi della crisi economica, sembra mettere a segno risultati meno positivi rispetto ai suoi principali partner.
Anche le stime relative al tasso di disoccupazione sembrano evidenziare come la risalita sia ancora piuttosto lenta. Nelle tabelle del FMI si legge, infatti, che a fine 2017 il tasso di disoccupazione potrebbe scendere all’11,4%, riportando quindi una flessione dello 0,3% rispetto all’11,7% del 2016, per poi scendere all’11% fine 2018.
Bisogna anche sottolineare come le stime del Fondo monetario internazionale siano anche più ottimiste di quelle avanzate dal Governo italiano che, nel Documento di Economia e Finanza, indica un tasso di disoccupazione all’11,5% per il 2017 e al 11,2% per l’anno a seguire.
Tra le varie stime contenute nel World Economic Outlook del FMI emerge la crescita del debito pubblico lordo in rapporto al Pil: dal 132,6% archiviato a fine 2016, nel corso del 2017 il dato potrebbe portarsi al 132,8%, per poi scendere nel corso del 2018 al 131,6%.
In linea invece con lo scorso anno il rapporto tra deficit e pil. Le stime dell’organizzazione di Washington indicano infatti un 2,4% per il 2017, dato che potrebbe scendere all’1,4% nel 2018.

 

Scrivi una replica

News

Inflazione: frena in Italia, stabile in Francia. Confermate le stime per Germania e Spagna

Il rallentamento del tasso di inflazione in Italia (che a luglio scende all’1,1% su base annua, dopo l’1,2% di giugno) si accompagna ai risultati di…

11 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Petrolio, l’AIE alza la stima sulla domanda mondiale per il 2017

L’AIE, l’Agenzia internazionale dell’energia, ha alzato (leggermente) le stime sulla domanda mondiale di petrolio nel 2017. Nel report, pubblicato oggi, venerdì 11 agosto, l’AIE sottolinea…

11 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Corea del Nord, Trump: “Siamo pronti a colpire”

“Le soluzioni militari sono ora pienamente predisposte, caricate e pronte a colpire, nel caso in cui la Corea del Nord dovesse agire in modo poco…

11 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Trasporto pubblico, l’Antitrust sanziona ATAC con una multa da 3,6 milioni di euro

L’ATAC – la municipalizzata che si occupa del trasporto pubblico a Roma – è stata sanzionata dall’Antitrust, l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, con…

11 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia