Nuovamente in crescita le sofferenze bancarie | T-Mag | il magazine di Tecnè

Nuovamente in crescita le sofferenze bancarie

Le sofferenze bancarie continuano ad aumentare, costringendo gli istituti di credito a mantenere il credit crunch
di Redazione

La difficoltà delle banche nel riscuotere i crediti concessi a imprese e famiglie non sembrano diminuire, stando infatti ai dati più recenti della Banca d’Italia, l’ammontare complessivo delle sofferenze è di nuovo aumentato nel mese di febbraio, arrivando a toccare i 203 miliardi di euro.

Nel dettaglio i dati, elaborati da Unimpresa, parlano di un aumento del 3,6% solo tra il febbraio del 2016 e lo stesso mese di quest’anno, legato in gran parte allo stock delle sofferenze relative alle aziende che, crescendo del 4,51%, sono arrivate a toccare i 145,1 miliardi di euro. Meno marcata la crescita delle sofferenze legate alle famiglie: +0,49% a 37,4 miliardi.
Secondo un recente studio della Cgia di Mestre, la maggior parte delle sofferenze bancarie sono legate alle imprese di grandi dimensioni. In particolare, nel suo studio la Cgia spiega che, essendo pari all’80,2% la quota di finanziamenti ottenuta dal primo 10% degli affidati (in quanto tali, si tratta di grandi imprese, non piccoli commercianti), va da sé che l’81,1% delle sofferenze sia causato da quel primo 10% di affidati.
Che siano legate alle imprese o alle famiglie, nel corso degli ultimi anni le sofferenze bancarie sono aumentate notevolmente. Secondo un’analisi del CRIF dal 2008 ad oggi l’ammontare delle esposizioni deteriorate è praticamente quadruplicato, costringendo le banche a chiudere i rubinetti e lasciando le imprese in chiare difficoltà: non potendo accedere ai finanziamenti le aziende italiane (secondo il FMI il 35% del totale dei prestiti degli istituti di credito è destinato alle imprese) sono costrette a ridurre gli investimenti, con conseguenze negative sull’intero sistema economico.

 

Scrivi una replica

News

Nel primo trimestre infortuni sul lavoro in aumento del 5,9% su base annua

Nel primo trimestre 2017, gli infortuni sul lavoro accaduti e denunciati all’INAIL sono stati 134 mila – 112mila dei quali in occasione di lavoro e…

27 Giu 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, Juncker: “Bisogna dire ai cittadini cosa fa l’Unione per loro”

“Sono rattristato, qualche volta scioccato, nel vedere, viaggiando attraverso l’Europa, il triste anonimato dei progetti finanziati dall’Ue. Come volete che i cittadini si avvicinino all’Unione,…

27 Giu 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Siria, Washington: “Damasco sta preparando un nuovo attacco chimico”

Il governo siriano sta preparando un nuovo attacco chimico che potrebbe uccidere molti civili, inclusi dei bambini. Così in una nota il portavoce della Casa…

27 Giu 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Banche, Esm: “Quello italiano non è un problema acuto”

Non c’è “un problema acuto” per il settore bancario italiano. Lo ha detto il direttore del fondo salva-Stati ESM, Klaus Regling, intervenendo dal Lussemburgo. Secondo…

27 Giu 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia