Nuovamente in crescita le sofferenze bancarie | T-Mag | il magazine di Tecnè

Nuovamente in crescita le sofferenze bancarie

Le sofferenze bancarie continuano ad aumentare, costringendo gli istituti di credito a mantenere il credit crunch
di Redazione

La difficoltà delle banche nel riscuotere i crediti concessi a imprese e famiglie non sembrano diminuire, stando infatti ai dati più recenti della Banca d’Italia, l’ammontare complessivo delle sofferenze è di nuovo aumentato nel mese di febbraio, arrivando a toccare i 203 miliardi di euro.

Nel dettaglio i dati, elaborati da Unimpresa, parlano di un aumento del 3,6% solo tra il febbraio del 2016 e lo stesso mese di quest’anno, legato in gran parte allo stock delle sofferenze relative alle aziende che, crescendo del 4,51%, sono arrivate a toccare i 145,1 miliardi di euro. Meno marcata la crescita delle sofferenze legate alle famiglie: +0,49% a 37,4 miliardi.
Secondo un recente studio della Cgia di Mestre, la maggior parte delle sofferenze bancarie sono legate alle imprese di grandi dimensioni. In particolare, nel suo studio la Cgia spiega che, essendo pari all’80,2% la quota di finanziamenti ottenuta dal primo 10% degli affidati (in quanto tali, si tratta di grandi imprese, non piccoli commercianti), va da sé che l’81,1% delle sofferenze sia causato da quel primo 10% di affidati.
Che siano legate alle imprese o alle famiglie, nel corso degli ultimi anni le sofferenze bancarie sono aumentate notevolmente. Secondo un’analisi del CRIF dal 2008 ad oggi l’ammontare delle esposizioni deteriorate è praticamente quadruplicato, costringendo le banche a chiudere i rubinetti e lasciando le imprese in chiare difficoltà: non potendo accedere ai finanziamenti le aziende italiane (secondo il FMI il 35% del totale dei prestiti degli istituti di credito è destinato alle imprese) sono costrette a ridurre gli investimenti, con conseguenze negative sull’intero sistema economico.

 

Scrivi una replica

News

Lavoro, ipotesi contratti a tempo determinato più cari

I contratti a tempo determinato potrebbero essere più cari. È quanto si apprende da ambienti vicini al dossier, l’ipotesi è per ottenere l’obiettivo di incentivare…

22 Set 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Corea del Nord, Trump: “Kim Jong Un è un pazzo che verrà messo alla prova”

Il dittatore della Corea del Nord è “un pazzo”. Lo ha scritto su Twitter il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, il giorno dopo aver…

22 Set 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Iran, Rohani: “Aumenteremo la nostra forza militare come deterrente”

“Aumenteremo la nostra forza militare come deterrente. Rafforzeremo le nostre capacità missilistiche”. Lo ha detto il presidente iraniano, Hassan Rohani, in un discorso trasmesso dalla…

22 Set 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Messico, sale a 286 il bilancio delle vittime

Sale a 286 il bilancio delle vittime del terremoto in Messico. Lo ha reso noto il responsabile della Protezione Civile messicana. 148 persone sono morte…

22 Set 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia