Eurozona: ripresa economica si consolida | T-Mag | il magazine di Tecnè

Eurozona: ripresa economica si consolida

Nel primo trimestre del 2017 il Pil dellʼarea della moneta unica è cresciuto dello 0,5% congiunturale e dllʼ1,7% tendenziale
di Redazione

Secondo la stima preliminare diffusa dall’Eurostat nel primo trimestre del 2017 il Prodotto interno lordo dell’Eurozona è aumentato dello 0,5% (+0,4% nell’Unione europea) rispetto al trimestre precedente e dell’1,7% (+1,9% nell’Ue28)su base annua.

I risultati messi a segno nel periodo considerato eguagliano quelli registrato nel corso dell’ultimo trimestre del 2016 mentre battono le stime formulate nel corso dell’ultimo Eurozone economic outlook diffuso anche dall’Istat, secondo cui tra gennaio e marzo del 2017 il Pil dell’area euro sarebbe dovuto crescere dello 0,4% congiunturale e dell’1,5% tendenziale. Per il secondo trimestre le previsioni di Ifo, Insee ed Istat indicano invece un +0,4% ed un 1,6%.
Nel corso dell’intero anno, secondo le ultime previsioni formulate dagli istituti di statistica, l’economia dell’area della moneta unica dovrebbe crescere dell’1,6%. Bisogna comunque sottolineare che le stime in questione sono state diffuse ormai a gennaio e potrebbero quindi essere soggette a rivisitazioni, visto che già il dato del primo trimestre si è presentato al di sopra delle attese. Non mancano comunque i rischi legati alle elezioni nei vari Paesi europei, come Francia o Germania ad esempio.
Che la ripresa dell’Eurozona si sia consolidata emerge anche da altri indicatori, come ad esempio, l’indice Pmi calcolato da Markit economics. Questo indicatore, monitorando il settore manifatturiero dell’area e delle economie al suo interno, ne traccia un quadro sull’attività economica. Ad aprile, infatti, l’indice Pmi Manifatturiero dell’Eurozona ha riportato un espansione al tasso più veloce degli ultimi sei anni, attestandosi a 56,7 punti.
Bene anche nelle economie europee monitorate dall’indagine: in Germania l’indice Pmi manifatturiero di aprile è salito a 58,2% (al top da due mesi), in Austria a 58,1 punti (al top da 73 mesi), in Italia a 56,2 (al top da 73 mesi), in Francia a 55,1 (al top da 72 mesi), in Spagna a 54,5 punti (il risultato più elevato toccato negli ultimi due mesi). Unico neo è rappresentato dalla Grecia che con 48,23 punti (un record considerati gli ultimi 4 mesi) si posiziona al di sotto dei 50 punti che delimitano una fase di contrazione economica da una fase di espansione.

 

Scrivi una replica

News

Draghi: “Sosterremo riorganizzazione banche dopo la Brexit”

“Siamo pronti a sostenere le banche a riorganizzare le loro attività nella zona euro in seguito alla Brexit, ma è necessario che le banche si…

29 Mag 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Draghi: “Prospettive migliorano ma serve più crescita”

“Le prospettive economiche della zona euro stanno migliorando e i rischi al ribasso sono moderati, ma questi segni positivi non devono distrarre dalla necessità di…

29 Mag 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Draghi: “Ripresa più forte ma target inflazione lontano”

“Rimaniamo fermamente convinti che una quantità straordinaria di supporto alla politica monetaria è ancora necessaria per riassorbire l’attuale livello di risorse non utilizzate e perché…

29 Mag 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Tajani: “L’Ue deve crescere”

“L’Unione europea deve crescere, dobbiamo assumerci le nostre responsabilità nel campo della difesa ma anche dei rapporti con l’Africa”. Lo ha affermato all’ANSA il presidente…

29 Mag 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia