Commercio: consumi ancora deboli ad aprile | T-Mag | il magazine di Tecnè

Commercio: consumi ancora deboli ad aprile

Gli ultimi anni non sono stati facili per i consumi: le incertezze della crisi economica hanno costretto molte famiglie a tagliare molti voci di spesa
di Redazione

I consumi restano deboli: ad aprile l’indicatore dei Consumi Confcommercio (ICC) è diminuito dello 0,5% rispetto a marzo (su base annua c’è stata una crescita: +0,2%). Confcommercio osserva che la performance è stata influenzata dalle vendite di auto e moto e che, al netto, di questi fattori, l’ICC è cresciuto dello 0,3% su base mensile e dell’1,1% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Dall’analisi delle singole voci emerge che è aumentata la spesa per gli alimentari, le bevande e i tabacchi (in crescita dello 0,5% e quindi in recupero rispetto alla frenata del mese precedente), per gli alberghi, per i pasti e le consumazioni fuori casa (+0,2%) e per i beni e i servizi ricreativi (+0,1%).
Complessivamente, invece, il 2016 è stato un anno positivo: secondo l’ISTAT, la spesa per consumi finali delle famiglie residenti è aumentata dell’1,3% (+1,5% nel 2015). A crescere è stata tanto la spesa per consumi di beni (+1,8%) quanto per quella di servizi (+1%). Gli incrementi più consistenti riguardano la spesa per i trasporti (+5,3%), per gli alberghi e ristoranti (+2,9%), per l’abitazione (+1,3%) e per ricreazione e cultura (+1,2%).
Gli ultimi anni non sono stati facili per i consumi (le incertezze della crisi economica hanno costretto molte famiglie a tagliare molti voci di spesa) e quindi anche per il commercio. Un’analisi dell’Ufficio economico Confesercenti – lo studio è basato su un’elaborazione dei dati sulle vendite del commercio al dettaglio dell’ISTAT – ha stimato l’impatto della crisi sulle vendite.
Nel 2016 il commercio ha registrato un calo delle vendite al dettaglio (sia del comparto food che non food) di circa 7,7 miliardi di euro rispetto al 2010, oltre 300 euro di spesa in meno per famiglia.
La perdita non è divisa equamente tra le varie forme distributive, però: a crollare sono principalmente le vendite dei negozi della distribuzione tradizionale, diminuite di 6,9 miliardi in sei anni. Il calo registrato tra la grande distribuzione è meno accentuato (tra il 2010 e il 2016 le vendite sono diminuite del 1,2%) anche grazie alle vendite alimentari nei discount.

 

Scrivi una replica

News

Bankitalia: “L’Italia regge il rialzo dei tassi”

“Un eventuale aumento dei rendimenti di mercato, se in linea con il miglioramento della congiuntura, è ampiamente sostenibile dall’economia italiana. La capacità delle famiglie e…

24 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Npl, Nouy: “Bisogna risolvere il problema. Le banche facciano di più”

“Bisogna risolvere il problema degli Npl, in alcune parti del settore bancario vediamo ancora elevati stock di sofferenze. Diverse banche devono fare molto di più”…

24 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Egitto, attentato in una moschea: 115 morti

Strage in una moschea nel nord del Sinai, dove un attacco, condotto piazzando una bomba all’interno del luogo di culto, ha provocato la morte di…

24 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Zimbabwe, Mnangagwa ha prestato giuramento: è il nuovo presidente

Emmerson Mnangagwa è il nuovo presidente dello Zimbabwe. Nato il 15 settembre 1942, ha prestato giuramento oggi, 24 novembre 2017. Prende il posto di Robert…

24 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia