L’occupazione cresce, ma di che tipo si tratta? | T-Mag | il magazine di Tecnè

L’occupazione cresce, ma di che tipo si tratta?

Lo scorso mese è stato ampiamente commentato il calo degli occupati ultracinquantenni che però, nei dati di aprile, è già stato recuperato. È forse quindi consigliabile prendere a riferimento per giudizi e considerazioni un periodo di tempo più consistente
di Fulvio Fammoni*

La fluttuazione mensile dei dati sull’occupazione è ampia anche con bruschi scostamenti. Lo scorso mese ad esempio è stato ampiamente commentato, come importante novità, il calo degli occupati ultracinquantenni che però, nei dati di aprile, è già stato recuperato. È forse quindi consigliabile, per tutti, prendere a riferimento per giudizi e considerazioni, un periodo di tempo più consistente. Il dato annuale che l’Istat propone, pare essere il più stabilizzato. Questo dato (aprile 2016/aprile 2017) rileva una crescita dell’occupazione di 277 mila unità su base annua. Ma di che tipo di occupazione si tratta?

Il saldo è dato da una crescita (+380 mila) tra i lavoratori dipendenti e un calo fra gli indipendenti (-103 mila). Ma, dei 380 mila dipendenti in più, e nonostante gli incentivi, solo il 40,8% (+155 mila) ha un contratto stabile, mentre, la maggioranza del 59,2% (+225 mila) sono lavoratori a termine. Cresce dunque l’occupazione, ma in netta prevalenza si tratta di occupazione precaria e questo dato è progressivamente in aumento.
L’andamento dell’occupazione per classi di età è un altro elemento di qualità utile ad interpretare il dato quantitativo. Sempre su base annua la classe di età che cresce è quella degli ultracinquantenni. L’aumento complessivo di 277 mila unità è composto da +362 mila fra chi ha oltre i 50 anni, + 4 mila da 15 a 24 anni e -89 mila fra 25 e 49 anni, con un consistente invecchiamento della popolazione occupata. E’ evidente quindi che il dato generale non è solo legato ad assunzioni, ma prevalentemente fra gli over 50 da una corposa diminuzione delle cessazioni determinata dal calo dei pensionamenti, e da un travaso progressivo dalla classe di età precedente.

Infine disoccupazione e inattività. Il dato di aprile prevede un forte calo mensile sul mese di marzo e si attesta all’11,1%. Tanto forte che rappresenta oltre il 70% dell’intero calo annuo. Anche in questo caso dunque meglio verificare l’andamento dei mesi successivi. Ma siamo ancora quasi al doppio del dato nazionale 2007-2008 e due punti circa più alti dell’attuale media della UE a 28.
Parlando di disoccupazione, come in ogni rilevazione, il confronto deve essere correlato all’andamento dell’inattività. È quindi intenzione della FDV proporre nelle prossime settimane, oltre all’indicatore sull’area del disagio e della sofferenza occupazionale, un approfondimento specifico su questo tema.

*presidente della Fondazione Giuseppe Di Vittorio

 

Scrivi una replica

News

Inps: «A marzo 21,9 mln di ore di cassa integrazione»

«A marzo 2018 sono stati autorizzati 21,94 milioni di ore di cassa integrazione con un calo del 5,3% rispetto a febbraio e del 40,9% su…

19 Apr 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Corea del Nord, Trump: «Lascerò il summit se l’incontro con Kim dovesse essere negativo»

«Se l’incontro con il leader nordcoreano Kim Jong Un non sarà proficuo me ne andrò», lasciando il summit. Lo ha annunciato il presidente americano Donald…

19 Apr 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Titoli di Stato: spread Btp/Bund a 118 punti

All’avvio dei mercati finanziari lo spread tra Btp e Bund si è attestato in calo a 118 punti.…

19 Apr 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Turchia, Erdogan: “Elezioni anticipate al 24 giugno prossimo”

Elezioni anticipate, in Turchia. Il presidente turco, Recep Tayyip Erdogan, ha annunciato che le elezioni si terranno il 24 giugno prossimo, oltre un anno prima…

18 Apr 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia