Imprese straniere: in aumento del 25,8% tra 2011 e 2016 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Imprese straniere: in aumento del 25,8% tra 2011 e 2016

Secondo l'Osservatorio di Confesercenti ci sono settori attività economiche, come gli internet point o il commercio ambulante, dove la presenza di stranieri è superiore a quella degli italiani.
di Redazione

A fine 2016 il numero delle imprese gestite da stranieri sul territorio italiano è nuovamente aumentato, registrando addirittura una crescita a doppia cifra rispetto al 2011. Un dato in controtendenza rispetto a quello rilevato per il tessuto imprenditoriale italiano, che nello stesso arco di tempo ha invece riporato una flessione del numero di attività.

A tirare le somme sul fenomeno è la Confesercenti che, nella sua ultima analisi, spiega come le attività più interessate dall’imprenditoria straniera siano il commercio ambulante, il cibo, le pulizie e i minimarket.
Ma vediamo i numeri. A fine 2016 le imprese straniere censite erano 571 mila, il 25,8% in più rispetto al 2011. Una crescita notevole, soprattutto se confrontata con l’andamento delle imprese italiane, diminuite del 2,7% nel periodo considerato dall’indagine.
Interessante notare come in alcuni comparti oltre la metà delle imprese del nostro Paese siano gestite da stranieri. È il caso del commercio ambulante, ad esempio, dove il numero delle imprese straniere supera le centomila unità, rappresentando il 53,5% delle imprese totali di questa tipologia di attività. Anche per gli internet point la dinamica è simile, si parla di 3.200 gestioni straniere: il 58,1% del totale. Quote importanti si rilevano anche per i servizi di pulizia (20,7%), take away (24,3%) empori (36,3%) e centri massaggi (27,9%).
Confrontando l’andamento a livello territoriale, la Confesercenti spiega che tra le grandi città, l’aumento più marcato di imprese straniere tra il 2011 ed il 2016 ha interessato Napoli, con un +165,4% a cui seguono Palermo, +54,6%, e Roma con un +51,2%. La quota maggiore sul totale delle imprese si registra però a Firenze, dove si attesta al 17,3% sulle imprese totali della città, mentre a Roma si registra il numero assoluto più elevato: 48.413 unità.

 

Scrivi una replica

News

Quantitative easing, Draghi: “Ampie ricerche dimostrano il suo successo”

“Ampie ricerche empiriche hanno affermato il successo di queste politiche nel supportare l’economia e l’inflazione, sia nell’Eurozona, sia negli Usa”. Lo ha detto il presidente…

23 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, indice Pmi manifattura in crescita a 59,4 punti

Sale a 59,4 punti dai 58,1 di luglio l’indice Pmi manifatturiero della Germania nel mese di agosto. Il dato è superiore alle attese che prevedevano…

23 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Eurozona, indice Pmi manifattura in aumento a 57,4 punti

Cresce l’indice Pmi manifatturiero dell’Eurozona, che ha registrato un aumento a 57,4 punti nel mese di agosto, contro i 56,3 punti precedentemente stimati.…

23 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, indice Pmi manifattura in aumento a 55,8 punti. Ai massimi da 6 anni

L’indice Pmi manifatturiero della Francia ha registrato nel mese di agosto un balzo a 55,8 punti dai 54,9 di luglio, facendo registrare così i massimi…

23 Ago 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia