Il tasso di posti vacanti nell’Eurozona e in Italia | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il tasso di posti vacanti nell’Eurozona e in Italia

Mentre nell'area della moneta unica l'Eurostat indica una crescita all'1,9% nel primo trimestre, nel nostro Paese il dato si attesta allo 0,8%
di Redazione

Nel primo trimestre del 2017 il tasso di posti vacanti nell’Eurozona si è attestato all’1,9%, crescendo di due decimi sia rispetto al dato dell’ultimo trimestre del 2016 sia rispetto allo stesso trimestre di un anno fa (1,7%). Anche nell’Ue il tasso di posti vacanti si è attestato all’1,9%, ma in questo caso la crescita è stata di un decimo di punto (1,8% sia nel quarto trimestre del 2016 che nel primo dello stesso anno). È quanto emerge dalle ultime rilevazioni dell’Ufficio statistico dell’Unione europea, l’Eurostat.

A far crescere il dato è stato soprattutto il trend nel settore dei servizi, dove il tasso dei posti vacanti si colloca al 2,2%, mentre sia nell’industria in senso stretto che nelle costruzioni si è attestato all’1,5%, mantenendosi quindi al di sotto della media dell’intera economia dell’area. Anche nell’Ue-28 si è rilevato un andamento simile: nei servizi il tasso di posti vacanti si è attestato al 2,2%, mentre nell’industria e nelle costruzioni all’1,6%.
Tra i Paesi dell’area con i tassi più elevati (dove equiparabili, ovviamente, spiega l’Ufficio statistico) spiccano la Repubblica Ceca con il 3,1%, il Belgio con il 2,9%, la Finlandia e la Svezia con il 2,7% e la Germania con il 2,6%.
Ma cosa si intende per posti vacanti? Si tratta di posti di lavoro creati e per i quali il datore di lavoro svolge una ricerca attiva di personale. Il problema è che non tutti i Paesi calcolano il tasso attraverso gli stessi parametri. In Italia, ad esempio, per il calcolo di posti vacanti, spiega l’Eurostat nella nota metodologica, vengono considerate solo le aziende con 10 o più dipendenti, tralasciando quindi, al contrario di gran parte dei Paesi dell’area, le aziende più piccole.
Secondo l’Istat, nel primo trimestre del 2017 il tasso di posti vacanti si è attestato allo 0,8% nelle aziende italiane con almeno dieci dipendenti. Un dato stabile rispetto al quarto trimestre del 2016, ma in crescita dello 0,2% rispetto al primo trimestre di un anno fa. Osservando i settori considerati dall’indagine si può notare come a livello congiunturale sia i servizi che le costruzioni abbiano riportato una lieve crescita (+0,1%) a fonte della variazione nulla del settore dell’industria. A livello tendenziale invece, mentre i servizi registrano un +0,3%, costruzioni e industria si limitano entrambi ad un +0,1%.

 

Scrivi una replica

News

Inps: nei primi cinque mesi saldo tra ssunzioni e cessazioni pari a +729 mila unità

Tra gennaio e maggio 2017 il saldo tra assunzioni e cessazioni nel settore privato è stato positivo per 729 mila unità.…

21 Lug 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Entro il 2030 la Cina vuole diventare leader mondiale dell’intelligenza artificiale

Pechino intende diventare il leader mondiale dell’intelligenza artificiale, entro il 2030. Questo è quanto prevede la strategia approvata l’8 luglio dal Consiglio di Stato della…

21 Lug 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Upb: “Nel 2017 Prodotto interno lordo in crescita”

Nel primo trimestre 2017, il Prodotto interno lordo italiano è cresciuto dello 0,3%. Lo scrive l’UPB, l’Ufficio parlamentare di bilancio, nell’ultima nota congiunturale. Stando alle…

21 Lug 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Musica: si è suicidato il cantante dei Linkin Park Chester Bennington

Il 41enne Chester Bennington, cantante dei gruppo numetal Linkin Park, è stato trovato morto nella sua casa di Los Angeles. Il musicista, che soffriva da…

21 Lug 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia