Il tasso di posti vacanti nell’Eurozona e in Italia | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il tasso di posti vacanti nell’Eurozona e in Italia

Mentre nell'area della moneta unica l'Eurostat indica una crescita all'1,9% nel primo trimestre, nel nostro Paese il dato si attesta allo 0,8%
di Redazione

Nel primo trimestre del 2017 il tasso di posti vacanti nell’Eurozona si è attestato all’1,9%, crescendo di due decimi sia rispetto al dato dell’ultimo trimestre del 2016 sia rispetto allo stesso trimestre di un anno fa (1,7%). Anche nell’Ue il tasso di posti vacanti si è attestato all’1,9%, ma in questo caso la crescita è stata di un decimo di punto (1,8% sia nel quarto trimestre del 2016 che nel primo dello stesso anno). È quanto emerge dalle ultime rilevazioni dell’Ufficio statistico dell’Unione europea, l’Eurostat.

A far crescere il dato è stato soprattutto il trend nel settore dei servizi, dove il tasso dei posti vacanti si colloca al 2,2%, mentre sia nell’industria in senso stretto che nelle costruzioni si è attestato all’1,5%, mantenendosi quindi al di sotto della media dell’intera economia dell’area. Anche nell’Ue-28 si è rilevato un andamento simile: nei servizi il tasso di posti vacanti si è attestato al 2,2%, mentre nell’industria e nelle costruzioni all’1,6%.
Tra i Paesi dell’area con i tassi più elevati (dove equiparabili, ovviamente, spiega l’Ufficio statistico) spiccano la Repubblica Ceca con il 3,1%, il Belgio con il 2,9%, la Finlandia e la Svezia con il 2,7% e la Germania con il 2,6%.
Ma cosa si intende per posti vacanti? Si tratta di posti di lavoro creati e per i quali il datore di lavoro svolge una ricerca attiva di personale. Il problema è che non tutti i Paesi calcolano il tasso attraverso gli stessi parametri. In Italia, ad esempio, per il calcolo di posti vacanti, spiega l’Eurostat nella nota metodologica, vengono considerate solo le aziende con 10 o più dipendenti, tralasciando quindi, al contrario di gran parte dei Paesi dell’area, le aziende più piccole.
Secondo l’Istat, nel primo trimestre del 2017 il tasso di posti vacanti si è attestato allo 0,8% nelle aziende italiane con almeno dieci dipendenti. Un dato stabile rispetto al quarto trimestre del 2016, ma in crescita dello 0,2% rispetto al primo trimestre di un anno fa. Osservando i settori considerati dall’indagine si può notare come a livello congiunturale sia i servizi che le costruzioni abbiano riportato una lieve crescita (+0,1%) a fonte della variazione nulla del settore dell’industria. A livello tendenziale invece, mentre i servizi registrano un +0,3%, costruzioni e industria si limitano entrambi ad un +0,1%.

 

Scrivi una replica

News

Dl Dignità, Di Maio: «Confindustria fa terrorismo psicologico»

«Confindustria oggi dice che con il Decreto Dignità ci saranno meno posti di lavoro. Sono gli stessi che gridavano alla catastrofe se avesse vinto il…

18 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Rai, Alberto Barachini eletto presidente della Commissione di Vigilanza

Alberto Barachini (Forza Italia) è stato eletto presidente della Commissione di Vigilanza Rai, con 22 voti alla terza votazione. Mentre Antonello Giacomelli (Partito democratico) e…

18 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, multa record da 4,3 miliardi di euro a Google per Android

La Commissione europea ha inflitto una multa da 4,3 miliardi di euro a Google, la più alta mai comminata. Bruxelles ha punito il colosso statunitense…

18 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Dl Dignità, Confindustria: «Effetti su occupazione peggiori di quelli stimati da relazione tecnica»

Alcune delle misure contenute nel decreto Dignità rischiano di avere effetti sull’occupazione ancora più negativi di quelli stimati nella relazione tecnica sulla base delle stime…

18 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia