Donne e lavoro: cosa sta cambiando? | T-Mag | il magazine di Tecnè

Donne e lavoro: cosa sta cambiando?

Anche la Silicon Valley si scopre sessista. Gap salariali e discriminazioni sul lavoro sono ancora piuttosto frequenti, ma si osserva una maggiore consapevolezza tra le lavoratrici
di Silvia Capone

Non solo nuove e vecchie modalità di lavoro. Nella Silicon Valley si diffonde, da azienda ad azienda, la denuncia di molestie e discriminazioni subite dalle donne. L’ondata di coraggio, denominata effetto Uber, proprio perché da qui è cominciata, vede una contagiosa presa di coscienza da parte delle lavoratrici nel settore dell’innovazione tecnologica.

In questo campo la presenza maschile è predominante e rende oltremodo difficile la crescita professionale delle donne sottoposte ad una “selezione naturale” a livello universitario e già dai banchi di scuola la componente femminile è meno numerosa nelle facoltà STEM (scienze, tecnologia, ingegneria e matematica). E nella Silicon Valley le poche donne che ci sono, devono lottare contro un muro difficile da sfondare, che le vede così legate a ruoli poco decisivi per l’azienda e la progettazione. Quelle, ancor meno, che riescono ad arrivare ai vertici, vengono talvolta osteggiate dalle altre donne e accusate di creare un ambiente sfavorevole per la categoria – l’esempio più noto è Marissa Mayer, ex-ceo di Yahoo!, che è stata criticata per aver voluto eliminare lo smart working dall’azienda di cui era dirigente e penalizzare così le mamme – o accusate a loro volta di sessismo (per inciso: proprio la Mayer, a seconda delle sue decisioni, è stata rimproverata tanto di sfavorire le donne quanto di essere troppo femminista).

Il gap salariale e le discriminazioni di genere sono circostanze di solito condannate in tutti gli ambienti lavorativi, quello che però nel nostro caso stride maggiormente sono i comportamenti misogini comparati con l’immagine di un mondo progressista, liberale e all’avanguardia. Lo stesso mondo – la Silicon Valley – in cui il 60% delle lavoratrici dichiara di aver subito almeno una volta delle avances non gradite; in cui il 90% ha assistito a comportamenti sessisti in occasione degli eventi aziendali; in cui solo il 2% del totale dei fondi per finanziare le startup è destinato a imprenditrici (fonte: Elephant in the Valley). Lo stesso ambiente che ha portato due giovani donne a progettare e realizzare una piattaforma – Glassbreakers – che mette in contatto il mondo lavorativo femminile tra privati e aziende o persone che svolgono la stessa professione, creando in questo modo una rete di confronto, aiuto e recruitment in rosa.

Oltre agli ostacoli incontrati nell’affermarsi sul posto di lavoro, esiste un secondo limite, quello della retribuzione. Infatti a parità di qualifica e grado in azienda lo stipendio delle donne è nella media Ocse il 14,7% in meno rispetto a quello degli uomini, mentre secondo altre statistiche nella sola area della Silicon Valley, raggiunge un gap del 61%. In particolare l’Italia, nonostante sia l’ultima nazione in Europa per forza lavoro femminile, il cui tasso è fermo al 55%, non presenta un gender pay gap elevato, anzi nella classifica dell’Organizzazione è il quarto paese per parità di salario, con una differenza tra i due sessi del 5,6%, valore che però cresce nel settore privato.

La scelta di promuovere la parità di genere anche nell’ambiente lavorativo è di per sé una decisione “economicamente intelligente”, come sottolinea l’Ocse riportando che la disparità comporta un costo in termini di salario di circa 12 mila miliardi di dollari, a cui si potrebbe aggiungere i risultati del rapporto Women in workplace di McKinsey del 2015, secondo cui le aziende con componente femminile in posizioni di rilievo godrebbero di un aumento del 15% dei profitti rispetto alla media.
L’Istat evidenzia come le donne si siano mostrate più dinamiche durante gli anni della crisi, rilevando che dal 2010 al 2015 le imprese a conduzione femminile sono aumentate di 35mila unità a fronte delle +18mila maschili. Attualmente in Italia secondo i dati dell’Osservatorio imprenditoria femminile di Unioncamere-Infocamere le imprese condotte da donne nel nostro paese sono il 21,75% del totale, distribuite maggiormente nel Mezzogiorno, dove la media sale a 23,6%.

GALASSIA LAVORO

 

Scrivi una replica

News

Bankitalia vede al rialzo le stime di crescita dell’Italia

La Banca d’Italia ha rivisto al rialzo le stime di crescita dell’economia italiana. Nel bollettino economico, Bankitalia ha scritto che il Prodotto interno lordo crescerà…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, nel 2017 il 47% delle imprese ha utilizzato almeno un social media

Nel 2017, il 47% delle imprese dell’Unione europea ha usato almeno un social media – blog, siti di condivisione dei contenuti, social network… -, con…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Senato, Mattarella nomina Liliana Segre senatrice a vita

Liliana Segre, sopravvissuta ad Auschwitz, è stata nominata senatrice a vita dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ai sensi dell’articolo 59, secondo comma, della Costituzione.…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gentiloni: “Cooperazione indispensabile per la lotta al terrorismo”

“Non dobbiamo mai dimenticare quanto sia indispensabile la componente della cooperazione allo sviluppo grazie al quale le relazioni con questi paesi possono aiutarci a costruire…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia