Prezzi delle abitazioni: si arresta la caduta nel primo trimestre | T-Mag | il magazine di Tecnè

Prezzi delle abitazioni: si arresta la caduta nel primo trimestre

Nonostante la variazione acquisita fino a qui indichi ancora un calo dello 0,2%, le stime del 2017 sembrano piuttosto ottimiste per gli operatori del mercato: si prevede un +0,2% per le grandi città
di Redazione

Nel primo trimestre del 2017 i prezzi delle abitazioni sono sì diminuiti rispetto allo scorso anno, ma registrando un forte rallentamento nella caduta rispetto alla variazione registrata al termine del trimestre precedente. Si è invece arrestata la caduta congiunturale che interessava i prezzi ormai da qualche anno. Di fatto non si può ancora parlare di ripresa vera e propria, spiega l’Istat, ma le rilevazioni degli ultimi mesi fanno comunque ben sperare.

In particolare dalle rilevazioni emerge che al termine del primo trimestre i prezzi delle abitazioni italiane sono rimasti stabili rispetto al trimestre precedente, mostrandosi però in calo dello 0,1% rispetto al primo trimestre dei un anno fa (rallentando, appunto, rispetto al -0,3% registrato il trimestre precedente). A determinare la contrazione tendenziale è stato soprattutto il risultato rilevato per le abitazioni nuove, per le quali i prezzi sono diminuiti dello 0,4%, invertendo la rotta dopo il +0,5% del trimestre precedente. Un risultato incoraggiante ha invece interessato le abitazioni già esistenti, per le quali nel trimestre considerato, attraverso una variazione nulla, si è interrotta una serie negativa che continuava ormai dal 2011.
Nonostante la variazione acquisita fino a qui indichi ancora un calo dello 0,2%, le stime del 2017 sembrano piuttosto ottimiste per gli operatori del mercato. Secondo alcune previsioni formulate da Tecnocasa-Confesercenti, nel corso di quest’anno i prezzi dovrebbero arrestare la caduta, se non addirittura crescere dello 0,2% nelle grandi città, mentre per le città più piccole si dovrà aspettare il 2018.
Comunque le basse quotazioni che stanno tutt’oggi interessando il mercato – insieme ai bassi interessi sui mutui, al più facile accesso al credito da parte delle famiglie e alle migliori condizioni economiche del Paese – hanno contribuito non poco alla risalita delle compravendite innescata nel 2015 (tra il 2007 ed il 2015 le compravendite erano sempre diminuite) e confermata con la crescita del 16,8% registrata nel 2016. Anche le stime per il triennio 2017-2019 sembrano abbastanza positive, ma mentre nel 2017 la crescita delle compravendite dovrebbe attestarsi intorno ad un +6,9% (secondo Nomisma) negli anni seguenti potrebbe registrarsi un lieve rallentamento (+4,9% nel 2018 e +5,6% nel 2019).

 

Scrivi una replica

News

Brexit, Bruxelles: «Londra deve chiarire le proprie intenzioni»

«Continuiamo a seguire molto da vicino il dibattito parlamentare nel Regno Unito». Lo ha detto il portavoce della Commissione europea, Margaritis Schinas, intervenendo dopo l’intervento…

22 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

L’antisemitismo preoccupa il 58% degli italiani

Il 58% degli italiani si dice preoccupato dall’antisemitismo. Lo rivela l’ultimo Eurobarometro presentato oggi, martedì 22 gennaio 2019, dalla Commissione europea al al museo ebraico…

22 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Savona: «Parlare di manovra correttiva è una malattia mentale»

«Torna una fissazione, quella che io considero una malattia mentale e cioè che occorra fare una manovra correttiva». Lo ha detto il ministro degli Affari…

22 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bankitalia: «In calo i prestiti alle imprese»

«La domanda di prestiti da parte delle imprese registrerebbe una lieve contrazione nel primo trimestre del 2019 mentre quella da parte delle famiglie continuerebbe a…

22 Gen 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia