Lavoro: quello non retribuito “vale” oltre 71,3 miliardi di ore | T-Mag | il magazine di Tecnè

Lavoro: quello non retribuito “vale” oltre 71,3 miliardi di ore

Una condizione che impegna più le donne degli uomini, spesso casalinghe
di Redazione

Che il divario occupazionale di genere in Italia sia ancora piuttosto ampio è cosa nota. Anche dalle ultime rilevazioni dell’Istat riguardanti gli occupati e i disoccupati emerge infatti una differenza piuttosto marcata per tutti i principali indicatori.

Basta guardare al tasso di occupazione, per esempio. Mentre a livello nazionale l’indice si attesta al 57,7%, per i maschi sale al 66,9%, mentre per le femmine scende al 48,5%. Di fatto sono 13,3 milioni gli occupati di sesso maschile contro i 9,5 milioni del genere opposto. Una dinamica simile interessa anche il tasso di disoccupazione. Il 10,6% rilevato per gli uomini viene contrastato dal 12,4% delle donne, bilanciando negativamente il dato nazionale e portando il tasso di disoccupazione del Paese all’11,3%.
Ancora più preoccupante il divario che emerge dal tasso di inattività (che contempla quindi chi non partecipa al mercato del lavoro, non cercando attivamente un’occupazione). In questo caso al 34,8% medio registrato dall’Istat, si scende al 25% per il tasso di inattività maschile ma si sale al 44,6% per quello femminile. Le donne inattive sono 8,6 milioni, un numero molto simile a quelle delle donne che un’occupazione ce l’hanno.
Da un focus redatto dall’Istituto nazionale di statistica è però emerso che non per forza se un individuo non risulta occupato vuol dire che non lavori. Secondo la classificazione dell’Istat risultano infatti occupate solo le persone con più di 15 anni che abbiano “svolto almeno un’ora di lavoro in una qualsiasi attività che preveda un corrispettivo monetario o in natura o quelle che hanno svolto almeno un’ora di lavoro non retribuito nella ditta di un familiare nella quale collaborano abitualmente”.
Lasciando fuori dal discorso il lavoro in nero, secondo l’Istat nel 2014 (ultimo anno disponibile per questa tipologia di dati) donne e uomini hanno svolto oltre 71,3 miliardi di ore di lavoro non retribuito per attività domestiche, cura di bambini, adulti e anziani della famiglia, volontariato, aiuti informali e per gli spostamenti legati allo svolgimento di tali attività, contro le 41,7 miliardi di ore di lavoro retribuito.
Il 71% delle ore di lavoro non retribuito, pari quindi a 50,6 miliardi, è stato svolto da donne e in quasi la meta dei casi (20,3 milioni di ore) da casalinghe (13,7 miliardi le ore di lavoro delle occupate).
Ad oggi sono 7,3 milioni le donne che nel nostro Paese si dichiarano casalinghe, un numero in calo di oltre mezzo milione rispetto a dieci anni fa. La motivazione principale per la fascia di età più giovane, 15-34 anni, è legata a fattori di genere familiare (nel 73% dei casi). Un’elevata quota, pari a 600 mila unità, spiega invece di essere scoraggiata perché pur avendo cercato lavoro non l’hanno trovato. Senza contare che oltre la metà delle casalinghe ammette di non aver mai lavorato nel corso della vita.
Un dato, almeno in parte, incoraggiante è quello relativo all’asimmetria tra il lavoro svolto da entrambi i partner in una coppia. Nel 2014 nelle coppie in cui la donna (di 25-44 anni) è casalinga e l’uomo lavora, la donna svolgeva l’80,3% del lavoro svolto da entrambi i partner (contro il 67,3% delle coppie in cui lavorano entrambi i partner). Un dato ancora piuttosto elevato, ma in costante diminuzione dal 1989, quando si attestava all’89,6%.

 

Scrivi una replica

News

Vaccini, bocciati tutti i ricorsi presentati dalla Regione Veneto

Tutte le questioni prospettate nei ricorsi della Regione Veneto sull’obbligo dei vaccini non sono fondate. Lo ha stabilito la Corte Costituzionale. I giudici hanno spiegato…

22 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ratko Mladic condannato all’ergastolo per crimini contro l’umanità

Ratko Mladic – ex comandante dell’esercito serbo bosniaco – è stato condannato all’ergastolo dal Tribunale penale internazionale dell’Aja. È stato riconosciuto colpevole di genocidio e…

22 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Zimbabwe, Mnangagwa giurerà venerdì da nuovo presidente

Il nuovo presidente dello Zimbabwe, Emmerson Mnangagwa, giurerà nel corso della cerimonia che si terrà nella giornata di venerdì 24 novembre.…

22 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Usura, Confesercenti-Sos Impresa: “Vittime 200.000 imprenditori”

“Durante la recessione, il mercato del credito illegale ‘a strozzo’ ha raggiunto un giro d’affari di circa 24 miliardi e coinvolge circa 200 mila imprenditori…

22 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia