Costruzioni: la risalita è ancora lenta | T-Mag | il magazine di Tecnè

Costruzioni: la risalita è ancora lenta

Alcuni indicatori sembrano in miglioramento, ma rimangono le incertezze per uno dei settori più colpiti dalla crisi economica
di Redazione

Secondo quanto riportato dall’Istat nell’ultimo resoconto mensile, a maggio la produzione nelle costruzioni ha messo a segno risultati positivi sia a livello congiunturale che tendenziale, invertendo la rotta rispetto alle rilevazioni del mese precedente.

Nel quinto mese dell’anno, infatti, la produzione ha registrato un aumento del 2,7% rispetto ad aprile e del 2,9% rispetto allo stesso mese del 2016. Ad aprile l’stat aveva invece registrato un pesante -4,1% mensile ed un -4,6% annuo (-11% il dato grezzo). Di fatto l’indice mensile si attesta ancora a 67,9 punti, mentre quello annuo è salito a 74,3, mantenendosi ancora su livelli vicini a quelli registrati negli anni della crisi, mostrando ancora una volta la debolezza del settore. . Non bisogna scordare che il settore delle costruzioni è uno di quelli che hanno risentito maggiormente della congiuntura negativa.
Come ricorda il Centro Studi ImpresaLavoro in un recente studio, “l’andamento del mercato italiano delle costruzioni tra il 2010 ed il 2016 ha registrato un crollo verticale di tutti i suoi suoi indicatori: produzione, ore lavorate e permessi di costruzione”. Nell’arco di tempo considerato, infatti, la produzione è diminuita di 32,2 punti percentuali, contro il -8,3% registrato nell’Eurozona e il -3,9% dell’Unione europea (solo quattro Paesi hanno fatto peggio di noi). Le ore lavorate sono crollate del 28,6%, mentre i permessi di costruzione hanno registrato un -65,7%. Senza contare che, secondo l’Ance, tra il 2008 ed il 2016 il settore ha perso quasi 600 mila posti di lavoro.
Dall’indice dell’Istat che misura la fiducia delle imprese di costruzioni traspare comunque un cauto ottimismo: il clima di fiducia è infatti in crescita da quattro mesi consecutivi mentre i giudizi su ordini e piani di costruzione sono in miglioramento da tre. Ancora incerte le attese sull’occupazione.

 

Scrivi una replica

News

Banche, Di Maio: «Il sistema bancario per la sua arroganza»

«Il sistema bancario la deve pagare perché ha avuto un atteggiamento arrogante infischiandosene dei risparmiatori e dello Stato ed è stato protetto da ambienti politici…

17 Lug 2018 / 3 Commenti / Leggi tutto »

Tria: «Nel 2018 l’economia italiana potrebbe crescere dell’1,5% circa»

L’economia italiana può chiudere il 2018 «con una crescita non lontana da quella programmata» nel Documento di economia e finanza, pari al +1,5%. Lo ha…

17 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, il 25 luglio Juncker incontrerà Trump a Washington

«Il presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker si recherà a Washington mercoledì 25 luglio dove sarà ricevuto dal presidente Trump alla Casa Bianca». Lo rende…

17 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Da inizio 2018 morti 1.443 migranti nel mar Mediterraneo

Dal 1° gennaio al 15 luglio 2018, 50.872 migranti hanno raggiunto l’Europa via mare. Lo rende noto l’OIM, l’Organizzazione internazionale per le migrazioni. Mentre sono…

17 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia