La ripresa c’è, ma i dubbi restano | T-Mag | il magazine di Tecnè

La ripresa c’è, ma i dubbi restano

Secondo la maggior parte degli italiani economicamente la propria famiglia non ha riscontrato particolari cambiamenti rispetto allo scorso anno, mentre per quasi un italiano su tre la situazione è addirittura peggiorata
di Redazione

Nonostante i miglioramenti dei vari indicatori dell’economia italiana, secondo la maggior parte degli italiani la situazione economica del Paese è rimasta invariata rispetto a dodici mesi fa, mentre per quasi la metà del campione la situazione è addirittura peggiorata.

E’ quanto si può osservare nelle tabelle dell’Istat relative alla fiducia dei consumatori italiani. A luglio, secondo le rilevazioni, l’indice generale è sì cresciuto passando da 106,4 punti a 106,7, ma le varie componenti hanno riportato andamenti altalenanti. Il clima personale è infatti salito a 101,6 punti dai 100,9 di giugno, quello corrente a 106,3 da 105,7, quello futuro da 107,7 a 108,2, mentre l clima economico mostra una flessione, passando da 123,6 unti a 122,9.
In peggioramento risultano anche i giudizi sulla situazione economica dell’Italia, per i quali l’indice è sceso a -49,8 dai -47 di un mese fa, in lieve miglioramento, invece, le attese: da -33,7 a -32,3. Continua a crescere l’indice relativo alle attese sulla disoccupazione: dai 24,3 punti di marzo si saliti a 29,6 ad aprile, a 33 a maggio a 35,5 a giugno e a 37,2 a luglio. In particolare il 40,4% si aspetta un miglioramento nel corso dei prossimi dodici mesi, mentre solo il 14,6% pensa che peggiorerà (il 41,5% non prevede cambiamenti radicali).
Osservando le tabelle dell’Istat si può notare come solo una minima parte del campione si aspetti un reale cambiamento della situazione economica dell’Italia nell’arco dei prossimi dodici mesi. Più precisamente parliamo del 15,2% del totale degli intervistati, contro il 48,4% che invece si aspetta una situazione immutata ed il 34,1% che prevede invece un peggioramento.
Per quanto riguarda invece la situazione economica della propria famiglia, dalle rilevazioni emerge un certo grado di sfiducia. Secondo la maggior parte di essi, infatti, economicamente la propria famiglia non ha riscontrato particolari cambiamenti rispetto allo scorso anno(66,1%) mentre per quasi un italiano su tre è addirittura peggiorata. In pratica è ottimista solo il 3,5% del campione. Anche dal punto di vista delle attese sui prossimi ddici mesi i consumatori italiani nutrono qualche dubbio: la parte del campione, il 73%, prevede infatti una situazione simile a quella di oggi, mentre il 17,4% prevede un nuovo peggioramento e solo l’8,1% un miglioramento.

 

Scrivi una replica

News

Commercio, a giugno export dei prodotti industriali in crescita

«A giugno 2018 si stima una crescita congiunturale per le esportazioni (+4,6%) e un più contenuto aumento per le importazioni (+0,3%). Il sostenuto incremento congiunturale…

10 Ago 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Regno Unito, nel secondo trimestre Pil in crescita dello 0,4% su base mensile

Nel secondo trimestre 2018, il Prodotto interno lordo del Regno Unito è cresciuto dello 0,4% su base mensile. Lo rende noto l’Office for Nationals Statistics,…

10 Ago 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Giappone, Pil in crescita dello 0,5% nel secondo trimestre

Il Pil del Giappone nel secondo trimestre del 2018 ha registrato una crescita dello 0,5% su base trimestrale e dell’1,9% su base annuale. I dati…

10 Ago 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Trump: «Usa raddoppia dazi su metalli della Turchia, passando dal 10 al 20%»

«Ho appena autorizzato un raddoppio dei dazi sull’acciaio e l’alluminio della Turchia in quanto la loro valuta, la lira turca, è in rapido calo nei…

10 Ago 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia