Poche donne manager, perché? | T-Mag | il magazine di Tecnè

Poche donne manager, perché?

Uno studio del Boston Consulting Group sottolinea che diversi fattori penalizzano la crescita in azienda delle donne
di Redazione

Google ha licenziato l’autore del documento di dieci pagine pubblicato su una mailing list interna all’azienda che criticava la decisione di aumentare la percentuale di dipendenti appartenenti a minoranze etniche e di donne con ruoli da dirigente. Nel testo, l’autore sostiene che le donne non ricoprono ruoli di responsabilità nell’industria tecnologica per “differenze genetiche” che le rendono meno adatte per certi lavori. Dichiarazioni che (evidentemente) non sono piaciute all’azienda, dove la quota di lavoratrici è aumentata sensibilmente negli ultimi anni: attualmente le donne sono il 31% della forza lavoro totale di Google (il dato è in crescita rispetto al 17% del 2014), anche se la quota scende al 25% tra le posizioni da dirigente. Le donne non hanno difficoltà a ricoprire incarichi di rilevo soltanto a Google, in realtà: si tratta di un problema comune a molte aziende anche attive in diversi settori. Non solo tecnologici.

Un rapporto del Boston Consulting Group – l’indagine è stata condotta con la collaborazione di Valore D e interpellando oltre 2.500 persone impiegate in aziende italiane o di multinazionali con sede in Italia – sottolinea che diversi fattori penalizzano la crescita in azienda delle donne. Vediamo quali sono. Il primo fattore è legato al percorso di studi: le donne tendono a essere più orientate a percorsi umanistici nonostante i tassi di occupazione in ambito tecnico-scientifico siano mediamente più alti (i dati lo confermano: il 79% degli ingegneri trova un’occupazione dopo la laurea rispetto al 40% dei laureati in lettere). Perché lo fanno? Lo studio risponde che “alcune specializzazioni particolarmente tecniche sono state considerate per troppi anni “da uomini”. Ciò che ne consegue “è è una minore disponibilità di candidate per le posizioni che spesso offrono maggiori opportunità di inserimento o di sviluppo in azienda”. Infatti le difficoltà non cessano, una volta trovato un impiego. La crescita nell’impresa “è ulteriormente penalizzata da una cultura aziendale che non sostiene a sufficienza la parità di genere”.
Le donne impiegano così più tempo per ricoprire – quando ci riescono, ovviamente – incarichi dirigenziali: 11,4 anni contro i 10,5 anni degli uomini. Anche in questo caso, tra le donne, chi ha conseguito una laurea in materie scientifiche (ingegneria, economia…) o è in possesso di un livello di istruzione più alto (dottorato-master) impiegano relativamente meno tempo rispetto alla media. A parità di titolo di studio, però, le donne tendono ad occuparsi maggiormente di funzioni di staff rispetto agli uomini. Un esempio: tra quelle che hanno dichiarato di aver conseguito una laurea in materie scientifiche, il 54% lavora in funzioni di staff rispetto a una quota maschile del 38%.

GALASSIA LAVORO

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Ocse: «Bisogna agire ora o ci saranno conseguenze tragiche»

«I costi elevati per una risposta da parte delle autorità sanitarie pubbliche sono necessari per evitare conseguenze molto più tragiche e un impatto ancora peggiore…

27 Mar 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Di Maio: «Ci aspettiamo lealtà da Ue»

«Davanti all’emergenza economica ci aspettiamo lealtà da parte dei partner europei. La parola lealtà per noi ha un peso importante. Ci aspettiamo che l’Europa faccia…

27 Mar 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Catalfo: «Più risorse per Cig e partite Iva»

Il ministro del Lavoro, Nunzia Catalfom ha reso noto ai microfoni di Circo Massimo su Radio Capital, che il governo sta studiando un aumento del…

27 Mar 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, in Spagna 5mila morti

Cotinua ad aggravarsi la situazione in Spagna, dove il numero delle vittime da coronavirus è salito a quota 5mila. A renderlo noto è stato El…

27 Mar 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia