Costruzioni: ancora difficoltosa la ripresa | T-Mag | il magazine di Tecnè

Costruzioni: ancora difficoltosa la ripresa

Nonostante il momento positivo della nostra economia, si rilevano ancora criticità sia sul fronte occupazionale sia sui livelli produttivi
di Redazione

L’Istat conferma il buon momento dell’economia italiana – sebbene a ritmi inferiori rispetto ai principali partner europei – e la crescita del Pil (Prodotto interno lordo) che nel secondo trimestre del 2017 è stata dello 0,4%, +1,5% sull’anno (la variazione acquisita per il 2017 è pari a +1,2%). Positivi i contributi dell’industria e dei servizi.

I settori che invece hanno registrato una dinamica negativa del valore aggiunto sono stati l’agricoltura (-2,2%) e le costruzioni (-0,4%). Il settore delle costruzioni, in particolare, è uno di quelli che più ha sofferto gli effetti della crisi: crollo degli investimenti (che però dovrebbero recuperare nel 2018), calo dell’occupazione e della produzione, aziende costrette a chiudere.
Pur in un contesto di crescita dell’indice di fiducia tra le imprese, quelle legate al settore delle costruzioni mostrano ancora le maggiori perplessità. Come si ricorda nell’Osservatorio congiunturale dell’industria delle costruzioni dell’Ance (Associazione nazionale costruttori edili), a gennaio la previsione era di una crescita degli investimenti in costruzioni dello 0,8% per il 2017, ma ad oggi la stima è di +0,2%. Un aumento che l’Ance definisce “trascurabile”, perché insufficiente a creare le condizioni di effettiva ripresa per un settore che ha visto dal 2008 ridurre del 36,4% i propri livelli produttivi.
Per quanto riguarda l’impatto occupazionale i dati relativi al primo trimestre 2017 indicano un primo lieve aumento nel numero degli occupati (+0,6%) rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Dall’inizio della crisi, ad ogni modo, il calo complessivo per il settore è stato di circa 600 mila occupati.
Il settore delle costruzioni mostra ritardi non solo in Italia, ma in Europa in generale. Dagli ultimi dati Eurostat emerge un andamento altalenante. Nel mese di giugno si è verificato un calo dello 0,5% nell’Eurozona rispetto al mese precedente, dello 0,2% nell’UE28 (e a maggio si era già osservato un trend al ribasso).
Tuttavia non mancano i segnali di risalita, considerando che in un anno l’incremento è invece del 3,4% nell’area dell’euro e del 3,6% nell’UE28. Resta il fatto, già evidenziato recentemente da Confartigianato, che il recupero del settore in Italia (produzione +2,7% a maggio, ma -4,1% ad aprile) risulta essere, ancora quest’anno, più lento rispetto alla media europea.

 

Scrivi una replica

News

Manovra, Kurz: «I debiti eccessivi sono un problema anche per l’Ue»

«I debiti eccessivi» sono «pericolosi», non solo «per i Paesi che li hanno accumulati», ma «anche per l’Europa». Lo ha detto il cancelliere austriaco, Sebastian…

18 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mattarella: «Serve un alto senso di responsabilità da parte della politica»

«È indispensabile uno sforzo condiviso per dimostrare la capacità del nostro Paese di affrontare le sfide». Così il capo dello Stato, Sergio Mattarella, in un…

18 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Conte: «Merkel impressionata dalle nostre riforme strutturali»

«Con la Merkel è stato un incontro molto cordiale, ho anticipato alcuni punti della manovra. Come logica noi puntiamo sulla crescita, puntiamo sugli investimenti, mi…

18 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Conte: «Nessuna frattura Lega-M5s sul decreto fiscale»

«Tra 5 Stelle e Lega non c’è nessuna frattura sul decreto fiscale. Venerdì sarò a Roma, lo controllerò articolo per articolo e andrà al presidente».…

18 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia