Lavoro autonomo: ci supera solo la Grecia | T-Mag | il magazine di Tecnè

Lavoro autonomo: ci supera solo la Grecia

Nel 2016 la quota nel nostro paese si attesta sopra la media europea, ci supera solo la Grecia
di Redazione

La crescita degli occupati a luglio, secondo gli ultimi dati Istat (+59 mila rispetto a giugno), è derivata dall’aumento sia dei lavoratori dipendenti (+0,2%, +42 mila) sia degli indipendenti (+0,3%, +17 mila), anche su base annua l’incremento si è registrato nella sola componente dipendenti (+2,2%, +378 mila) a fronte di un calo tra gli indipendenti (-1,5%, -84 mila).

Ad ogni modo, nel complesso, il numero degli indipendenti attivi nel nostro paese resta tra i più alti in Europa, nonostante una diminuzione avvenuta tra il 2007 e il 2015 di 522 mila unità (-10%), stando a recenti stime di Confesercenti.
Nel 2016, nell’Unione europea, il numero degli autonomi ammonta a 30,6 milioni di persone di età compresa tra i 15 e i 64 anni (dati Eurostat), rappresentando il 14% dell’occupazione totale.
Una realtà che interessa principalmente gli uomini (nell’anno di riferimento sono autonomi due uomini su tre, il 67%), mentre più della metà – il 55% – ha 45 anni o più. Circa un terzo (il 35%) possiede un livello di istruzione superiore e sette su dieci (il 71%) non hanno dipendenti.
Tra i settori di attività economica maggiormente coinvolti nel 2016, il “Commercio all’ingrosso e al dettaglio, riparazione di autoveicoli e motocicli” (4,8 milioni di persone, il 16% di tutti i lavoratori autonomi nell’UE), “Agricoltura” (4,4 milioni, 14%), “Costruzione” (3,9 milioni, 13%) e “Attività professionali, scientifiche e tecniche” (3,7 milioni, 12%).
La quota più alta di lavoratori autonomi – oltre la media europea – si osserva in Grecia e in Italia. Nel paese ellenico quasi un terzo dei lavoratori è autonomo 29%, mentre lo è circa uno su cinque in Italia (21%). A seguire la Polonia con una quota di lavoratori autonomi che si attesta al 18%. All’opposto, questa tipologia di lavoratori rappresenta meno del 10% dell’occupazione totale in Danimarca (8%), Germania, Estonia, Lussemburgo e Svezia (9%). In Francia è sopra il 10%, in Spagna supera il 15%.

 

Scrivi una replica

News

Beirut: “Saltato il contratto per il gas con Mosca”

“Eravamo praticamente sul punto di firmare il nostro primo contratto per lo sviluppo di giacimenti di gas grazie alla partecipazione di compagnie russe: ora stiamo…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Usa: “In Europa c’è un alto rischio di attacchi dell’Isis”

“Gli incidenti in Francia, Russia, Svezia, Gran Bretagna, Spagna e Finlandia dimostrano che l’Isis e i suoi affiliati hanno la capacità di pianificare e compiere…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, May: “Sono fiduciosa che si possa passare alla seconda fase”

“Sono fiduciosa che il mese prossimo i leader Ue possano dare il via libera alla seconda fase dei negoziati sulla Brexit”. Lo ha detto Theresa…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Davis: “Offerto compromesso all’Ue”

“La Gran Bretagna ha offerto alcuni compromessi creativi in sede di negoziato sulla Brexit ma non sempre ha trovato disponibilità da parte dell’Ue”. Lo ha…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia