Pil pro capite in calo del 9,8% dal 2007 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Pil pro capite in calo del 9,8% dal 2007

Secondo una ricerca del Centro Studi ImpresaLavoro il Pil pro capite del nostro Paese è diminuito del 9,8% da inizio crisi
di Redazione

Da un’analisi del Centro Studi ImpresaLavoro è emerso come nell’arco degli ultimi dieci anni – quindi tra il 2007 ed il 2016 – i cittadini abbiano perso il 9,8% del proprio reddito pro capite. Sostanzialmente si parla di un calo di 2.800 euro a cittadino, passando quindi dai 28.700 euro del 2007 ai 25.900 dello scorso anno.

Osservando le tabelle del Centro Studi si nota come la diminuzione registrata nel nostro Paese sia tra le più marcate dell’intera Unione Europea. Non solo, tra i nostri principali partner siamo quelli che hanno registrato il risultato peggiore.
Nel dettaglio: in Italia, come anticipato, la flessione è stata del 9,8% (-2.800 da 28.700 a 25.900), in Spagna del 2,9% (-700 euro, da 24.500 a 23.800) e in Portogallo dell’1,7% (-300 euro, da 17.200 a 16.900). In Francia, invece, si è registrato un aumento del Pil pro capite nell’arco di tempo considerato dello 0,6% (+200 euro, da 31.500 a 31.700), in Germania del 7,8% (+2.500, da 32.100 a 34.600).
Negli ultimi dieci anni peggio di noi in Europa hanno fatto solo Cipro, -12,3%, e Grecia, dove si p registrato un calo del Pil pro capite del 24,7%. Il risultato migliore ha invece interessato la Polonia, che con un +31,8% passa da 8.550 a 11.200 euro. Nel complesso, nell’Eurozona, si è registrata una crescita media dell’1% (+300 euro, da 29.400 a 29.700), mentre nell’Unione europea l’aumento è stato del 3,1% (+800 euro, da 26.200 a 27mila).
Il Centro Studi si sofferma poi sull’ultimo biennio, sottolineando come l’Italia nel 2015 e nel 2016 abbia registrato un +1,2% del Pil pro capite, facendo meglio di Regno Unito (+1%), Germania (+0.9%), Francia (+0,6%) e Grecia (+0,6%). Tuttavia, ancora oggi il nostro Pil Pro capite risulta ancora piuttosto inferiore a quello della media europea.

 

Scrivi una replica

News

Beirut: “Saltato il contratto per il gas con Mosca”

“Eravamo praticamente sul punto di firmare il nostro primo contratto per lo sviluppo di giacimenti di gas grazie alla partecipazione di compagnie russe: ora stiamo…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Usa: “In Europa c’è un alto rischio di attacchi dell’Isis”

“Gli incidenti in Francia, Russia, Svezia, Gran Bretagna, Spagna e Finlandia dimostrano che l’Isis e i suoi affiliati hanno la capacità di pianificare e compiere…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, May: “Sono fiduciosa che si possa passare alla seconda fase”

“Sono fiduciosa che il mese prossimo i leader Ue possano dare il via libera alla seconda fase dei negoziati sulla Brexit”. Lo ha detto Theresa…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Davis: “Offerto compromesso all’Ue”

“La Gran Bretagna ha offerto alcuni compromessi creativi in sede di negoziato sulla Brexit ma non sempre ha trovato disponibilità da parte dell’Ue”. Lo ha…

17 Nov 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia