Come funziona il Rosatellum bis | T-Mag | il magazine di Tecnè

Come funziona il Rosatellum bis

Approvata alla Camera la riforma del sistema di voto. Ora la legge passa al Senato
di Redazione

Con il via libera alla Camera, nonostante i franchi tiratori (alla fine sono stati 375 i sì e 215 i voti contrari), la legge elettorale passa adesso al Senato dopo giorni di scontri politici, talvolta molto aspri, tra maggioranza e opposizioni. Ma in cosa consiste la nuova legge elettorale e perché tanto non piace soprattutto a Movimento 5 Stelle e Mdp, in piazza nella giornate di mercoledì e oggi?

Il Rosatellum 2.0, come è stato ribattezzato per distinguerlo dalla precedente proposta, è l’ultimo tentativo (sostenuto anche da Ap, Forza Italia e Lega) di uniformare i sistemi elettorali così da scongiurare che il ritorno alle urne avvenga secondo quelli usciti dalle sentenze della Consulta. Si tratta di un sistema misto che prevede il 36% degli eletti in collegi uninominali (maggioritario) e il 64% su base proporzionale. La soglia di sbarramento nella parte proporzionale è fissata al 3% su base nazionale, sia al Senato che alla Camera (ma fanno eccezione le liste relative alle minoranze linguistiche per cui la soglia è al 20% nella regione di riferimento); per le coalizioni sale al 10%.
La scheda è unica e si potrà segnare il nome del candidato nel collegio uninominale. I suoi voti complessivi contribuiranno alla determinazione della lista che lo sostiene nella quota proporzionale, mentre votando una delle liste il voto ricadrà sul candidato stesso. Vietato il voto disgiunto. È consentita una candidatura nei collegi uninominali e fino a tre nei collegi plurinominali (l’elezione potrebbe perciò avvenire in ogni caso). Le liste sono bloccate, di dimensioni ridotte per non contraddire quanto stabilito dalla Consulta quando bocciò il Porcellum in riferimento alle liste troppo lunghe che non consentono la riconoscibilità del candidato. Le parità di genere sono garantite dal tetto al 60% entro cui si possono candidare persone dello stesso sesso. Il sistema incentiva possibili alleanze ed è questa la ragione principale per cui è inviso al M5S, che la ritiene una legge scritta appositamente per evitare una sua affermazione quale forza di governo. Ma non piace neppure alle forze politiche minori che decideranno di correre da sole in quanto penalizzate. Ulteriori polemiche, poi, sono sorte dopo l’approvazione della cosiddetta “norma salva-Verdini” che consente a chi è residente in Italia di potersi candidare anche nelle circoscrizioni estere.

 

Scrivi una replica

News

Dl Dignità, Di Maio: «La fiducia? Spero di no»

«Spero di no, però mi aspetto, e questo lo auspico, perché il Parlamento è sovrano, che ci sia un atteggiamento costruttivo sulle modifiche. Se poi…

20 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Alessandro Rivera sarà il prossimo direttore generale del Mef

Alessandro Rivera sarà il nuovo direttore generale del ministero del ministero dell’Economia. Lo riferisce l’agenzia Reuters, citando «tre fonti vicine alla situazione». Ha 47 anni…

20 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Inps, Di Maio: «Boeri? Non ho il potere di rimuoverlo»

Il presidente dell’INPS «Boeri? Io non ho il potere di rimuovere questa persona: o scade oppure resta lì». Lo ha detto il vice premier Luigi…

20 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cdp, Fabrizio Palermo nuovo amministratore delegato

Fabrizio Palermo è il nuovo amministratore delegato di CDP, la Cassa depositi e Prestiti. Lo riferisce l’agenzia di stampa Reuters, citando «tre fonti vicine alla…

20 Lug 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia