A settembre produzione nelle costruzioni in calo | T-Mag | il magazine di Tecnè

A settembre produzione nelle costruzioni in calo

Nonostante il calo di settembre, nella media del trimestre luglio-settembre l'indice destagionalizzato della produzione nelle costruzioni è aumentato dell'1,2% rispetto al trimestre precedente
di Redazione

“A settembre 2017, rispetto al mese precedente, l’indice destagionalizzato della produzione nelle costruzioni registra una diminuzione dello 0,9%”. Lo rende noto l’ISTAT, l’Istituto nazionale di statistica, attraverso la diffusione di un comunicato stampa.

“Nello stesso mese, gli indici di costo del settore restano invariati per il fabbricato residenziale, mentre aumentano dello 0,2% per il tronco stradale con tratto in galleria e dello 0,3% per il tronco stradale senza tratto in galleria.
Nonostante il calo registrato a settembre, nella media del trimestre luglio-settembre l’indice destagionalizzato della produzione nelle costruzioni è aumentato dell’1,2% rispetto al trimestre precedente, confermando lo scenario moderatamente espansivo del settore.
Su base annua, a settembre 2017 si registra un aumento del 2,1% per l’indice della produzione nelle costruzioni corretto per gli effetti di calendario (i giorni lavorativi sono stati 21 contro i 22 di settembre 2016). L’indice grezzo diminuisce dell’1,4% rispetto a settembre 2016.
Sempre su base annua, gli indici del costo di costruzione aumentano dello 0,6% per il fabbricato residenziale, dell’1,0% per il tronco stradale con tratto in galleria e dell’1,5% per quello senza tratto in galleria.
A settembre 2017, il contributo maggiore all’aumento tendenziale del costo di costruzione del fabbricato residenziale è da attribuire all’incremento dei costi dei materiali (+0,8 punti percentuali).
L’incremento tendenziale degli indici del costo di costruzione dei tronchi stradali deriva esclusivamente dall’aumento dei costi dei materiali, sia – conclude l’ISTAT – per quello con tratto in galleria (+1,2 punti percentuali) che per quello senza tratto in galleria (+1,7 punti percentuali)”.

 

Scrivi una replica

News

Ocse: “In Italia i titoli di studio non sono veritieri”

“In Italia i titoli di studio e le qualifiche danno un’indicazione molto debole delle reali competenze e abilità degli studenti e dei lavoratori che li…

15 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, Schulz: “Ad inizio gennaio al via i colloqui con Spd e Cdu”

I colloqui tra Spd e Cdu, per la formazione di un nuovo governo, inizieranno “all’inizio di gennaio”. Lo ha detto il leader dei socialdemocratici tedeschi,…

15 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: “Nel 2016 tra gli italiani laureati andati all’estero uno su tre è tornato in Italia”

“Nel 2016 circa 16 mila laureati italiani tra i 25 e i 39 anni hanno lasciato il Paese e poco più di 5 mila sono…

15 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bankitalia ha alzato le stime di crescita dell’economia italiana per il 2017-2018

Nel 2017 il Prodotto interno lordo italiano crescerà dell’1,6%. Lo prevede la Banca d’Italia, che ha alzato le stime di crescita dell’economia sia per quest’anno…

15 Dic 2017 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia