Quando i diritti vengono disattesi | T-Mag | il magazine di Tecnè

Quando i diritti vengono disattesi

Dalle difficoltà economiche all'accesso alle cure, in Italia le persone con disabilità vivono troppo spesso in condizioni di disagio. E le famiglie fanno sempre più fatica
di Redazione

In occasione della Giornata mondiale della disabilità, che si celebra il 3 dicembre, l’Osservatorio nazionale sulla salute nelle regioni italiane descrive le condizioni delle persone con disabilità presenti nel nostro paese (4 milioni e 360 mila), che troppo spesso vedono i propri diritti disattesi. Circa la metà degli oltre 4 milioni, verserebbe in condizioni di particolare gravità, una quota che corrisponde al 3,6% della popolazione italiana.

Secondo i dati che l’Osservatorio riprende dall’Istat, il 33% delle persone con disabilità vive da solo, percentuale che aumenta fino al 42% se si considerano solo gli over 75. Più si va avanti con l’età, più si necessita di assistenza, ma la quota di anziani non autosufficienti evidenzia la mancanza di possibilità sia economiche che familiari di essere seguiti. Nel nostro paese il sistema di welfare è da sempre affiancato, anche per tradizione, dalle famiglie che si fanno carico dei non autosufficienti, ma, almeno per quel che riguarda gli anziani, a causa dello sviluppo socio-demografico sarà sempre più difficile fare fronte ad un numero crescente di anziani da assistere. Inoltre le persone con disabilità, giovani e anziani, hanno bisogno di maggiori cure, il che comporta una più ampia spesa sanitaria non sempre sostenibile, come sottolinea l’indagine secondo cui il 14% è costretto a rinunciare all’assistenza sanitaria contro il 3,7% del resto della popolazione. L’Italia nel 2015 ha impegnato 27,7 miliardi di euro, pari all’1,7% del Pil, per la spesa destinata alla protezione sociale. La maggior parte di questa spesa consiste nell’erogazione di pensioni di invalidità. L’integrazione avviene nelle attività quotidiane, favorendo una maggiore istruzione, offrendo opportunità di lavoro e quindi autonomia, quando possibile. Inversioni di tendenza si registrano dai dati del Miur. Nonostante il rapporto dell’Osservatorio evidenzi ancora un livello di istruzione mediamente basso per questo gruppo sociale, soprattutto per gli anziani, il ministero sottolinea come dal 2007 al 2017 gli alunni con disabilità siano passati da 174.404 a 234.658. Mentre rimangono ancora contenute le percentuali riguardanti l’occupazione: solo il 18% delle persone disabili è occupato, osserva l’Osservatorio nazionale sulla salute nelle regioni italiane, contro il 58,7% del resto della popolazione.

 

Scrivi una replica

News

Bankitalia vede al rialzo le stime di crescita dell’Italia

La Banca d’Italia ha rivisto al rialzo le stime di crescita dell’economia italiana. Nel bollettino economico, Bankitalia ha scritto che il Prodotto interno lordo crescerà…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, nel 2017 il 47% delle imprese ha utilizzato almeno un social media

Nel 2017, il 47% delle imprese dell’Unione europea ha usato almeno un social media – blog, siti di condivisione dei contenuti, social network… -, con…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Senato, Mattarella nomina Liliana Segre senatrice a vita

Liliana Segre, sopravvissuta ad Auschwitz, è stata nominata senatrice a vita dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ai sensi dell’articolo 59, secondo comma, della Costituzione.…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gentiloni: “Cooperazione indispensabile per la lotta al terrorismo”

“Non dobbiamo mai dimenticare quanto sia indispensabile la componente della cooperazione allo sviluppo grazie al quale le relazioni con questi paesi possono aiutarci a costruire…

19 Gen 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia